Space Jam: primo posto al botteghino, ma critiche dure

di R. Staiano 1

il nuovo film Space Jam a New Legacy si divide tra l'entusiasmo del protagonista LeBron e la delusione del pubblico.

Space Jame a New Legacy ha cominciato a far parlare di sé sin dal primo annuncio rivelazione. I motivi sono ormai noti: la presenza di LeBron James e l’eredità che ha dovuto sobbarcarsi dal primo film considerato ormai un vero e proprio cult movie con un Michael Jordan decisamente apprezzabile. Ci sono però già due faccie della medaglia al riguardo e come ogni caso una è positiva e l’altra molto negativa.

Partiamo da quella positiva che è sicuramente quella più prevedibile: James si dice entusiasta del primo posto al botteghino ottenuto dal film. Questo come abbiamo detto era immaginabile a causa della nostalgia che si tira dietro questo titolo che ha spinto sicuramente tutti quelli negli anni 90 a vederlo e magari portare la prole per rivivere emozioni del passato con le nuove leve. Con questo post su twitter la star dell’NBA saluta gli haters fiero del traguardo raggiunto. Noi ci congratuliamo pure col suddetto, ma come abbiamo già espletato il successo al botteghino è dovuto semplicemente alla nostalgia. Senza contare che il film da noi arriverà solo a settembre quando in america sarà probabilmente già in formato home video e potrebbe non avere lo stesso risultato.

Perché c’è dunque il rischio di non replicare il risultato al botteghino? Beh questa è la parte molto negativa della questione. Il film è stato accolto con entusiasmo e questo significa che ha già ricevuto molte critiche e la maggior parte sono decisamente negative. Basta fare un giro su Metacritic per constatare il punteggio basso che sta stroncando la pellicola su tutti i fronti. Possiamo dire anche che questo era in parte prevedibile considerando i tagli ricevuti e le polemiche riguardo un politically correct non necessario, che hanno coinvolto anche l’attrice protagonista per la reintroduzione di una scena eliminata che secondo lei aveva un altro insegnamento rispetto all’impressione che gli hanno dato.

Il pubblico è stato molto più crudele della critica e parlano di un film senz’anima volto solo alla pubblicità a causa della eccessiva presenza di product placement di proprietà intellettuali appartenenti a Warner Bros. e probabilmente anche James avrà fatto da vetrina in qualche modo per qualche sponsor. Il metascore è talmente basso che è divenuto subito uno dei film peggiori usciti negli ultimi due anni, superando addirittura il criticatissimo Monster Hunter. Che sia un fallimento o meno siamo comunque sicuri che molti spettatori italiani vorranno dargli una possibilità, mossi dalla nostra stessa nostalgia misto a curiosità, ma forse è meglio farlo senza grandi premesse.

Commenti (1)

  1. Benvenuti a Space Jam! Il campione NBA e icona globale LeBron James vive un’epica avventura a fianco dell’intramontabile Bugs Bunny, nel film evento di animazione/live-action “Space Jam: New Legends”, diretto da Malcolm D. Lee, con un team di filmakers innovativi come Ryan Coogler e Maverick Carter.
    Quest’avventura di trasformazione è un frenetico mix di due mondi, che svela fino a che punto possano arrivare alcuni genitori per creare un legame con i propri figli. Quando LeBron e il suo giovane figlio Dom vengono intrappolati in uno spazio digitale da una malefica Intelligenza Artificiale di nome Al-G Rhythm, LeBron farà di tutto per tornare a casa sani e salvi guidando Bugs, Lola Bunny e l’intera banda dei notoriamente poco disciplinati Looney Tunes verso la vittoria, sul campo di gioco, contro gli ex campioni digitalizzati del terribile Al-G Rhythm: una super potente squadra di basket piena di professionisti all stars mai vista prima. Tunes contro Goons nella sfida con la posta in gioco più alta della sua vita, che ridefinirà il legame tra LeBron e suo figlio, mettendo in luce il potere di essere se stessi. Pronti all’azione, i Tunes sovvertono le convenzioni, sovraccaricando i loro talenti unici e sorprendendo anche “King” James con il loro modo di giocare.

    James è protagonista accanto al candidato all’Oscar® Don Cheadle (i film di
    “Avengers”, “Hotel Rwanda”), Khris Davis (“Judas and the Black Messiah”, “Atlanta” per la TV), Sonequa Martin-Green (“The Walking Dead” per la TV, “Star Trek: Discovery”), l’esordiente Cedric Joe, Jeff Bergman (“Looney Tunes Cartoons”), Eric Bauza (“Looney Tunes Cartoons”) e Zendaya (l’imminente “Dune”, “Malcolm & Marie”).

    Lee (“Girls Trip”, “Night School”) dirige da una sceneggiatura di Juel Taylor & Tony Rettenmaier & Keenan Coogler & Terence Nance e Jesse Gordon e Celeste Ballard, storia di Juel Taylor & Tony Rettenmaier & Keenan Coogler & Terence Nance. Basato su “Space Jam”, scritto da Leo Benvenuti & Steve Rudnick e Timothy Harris & Herschel Weingrod. Il film è prodotto da Ryan Coogler, LeBron James, Maverick Carter e Duncan Henderson, i produttori esecutivi sono Sev Ohanian, Zinzi Coogler, Allison Abbate, Jesse Ehrman, Jamal Henderson, Spencer Beighley, Justin Lin, Terence Nance e Ivan Reitman.

    Il team creativo dietro la cinepresa include il direttore della fotografia Salvatore Totino (“Spider-Man: Homecoming”), il produttore animazioni Troy Nethercott (“Wonder Park”), gli scenografi Kevin Ishioka (“The Mule”), Akin McKenzie ( “When They See Us” per Netflix) e Clint Wallace (l’imminente “Eternals”), il montatore Bob Ducsay (“Godzilla: King of the Monsters”, “Star Wars Episode VIII – The Last Jedi”) e la costumista Melissa Bruning (“Rampage”, “War for the Planet of the Apes”). Le musiche sono di Kris Bowers (“Greenbook”, “Bridgerton” per Netflix).

    Warner Bros. Pictures presenta una produzione Proximity/The SpringHill Company Production, un film di Malcolm D. Lee, “Space Jam: New Legends”. Il film sarà distribuito in tutto il mondo da Warner Bros. Pictures e arriverà in Italia al cinema dal 23 settembre 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>