Barbara d’Urso: la top 5 dei momenti più trash del 2012

di Redazione Commenta

Barbara d’Urso e il trash sono due cose indivisibili come Lillo & Greg, Ale & Franz, Paola & Chiara e chi più ne ha più ne metta: cogliamo l’occasione in questo giorno di Natale per stilare i cinque momenti più trash durante l’anno solare 2012, che ha visto la conduttrice partenopea riprendersi il programma del dì di festa (l’ex Domenica Cinque ribattezzato Domenica Live).

Così facendo Barbarella è andata a rimpiazzare i presentatori delle prime puntate, ovvero Alessio Vinci e Sabrina Scampini, in modo tale da poterci beare della visione della Bislacca sei giorni su sette, sette giorni su sette invece contando le sue sporadiche ospitate a Verissimo dalla sua amica Silvia Toffanin. Ma è ora di vedere la tanto attesa (?) classifica, andando in ordine decrescente.

5. SCHERZI A PARTE

Al quinto posto troviamo la malefica burla ordita ai danni di Barbara d’Urso da Scherzi a parte, ambientato in un ristorante nel quale la conduttrice viene accusata di aver intasato il bagno del locale, con una cliente che ha dato alla Bislacca della “cag…”. Non è stato un bellissimo momento televisivo così come lo scherzo successivo di un uomo nudo che le si è presentato davanti agli studi del programma di Luca & Paolo (da gran persona riservata qual è, ha poi riproposto il video della burla nel suo Pomeriggio Cinque).“Non lo vedevo da anni” è stata la reazione di Maria Carmela. Per lei il sole è tornato a uscire.

4. IL CONTROLUCE

A Tv Talk hanno provato a metterla in difficoltà, ma Barbara d’Urso pareva essersi costruita una corazza per difendersi dagli attacchi di Massimo Bernardini e della sua squadra, col conduttore che ha accusato lei e Claudio Brachino di aver dato un’immagine devastante delle case-famiglia, in riferimento al bambino di Padova conteso dai genitori. In più, la signora ha finalmente svelato l’arcano su ciò che la fa sembrare Nostra Madonna dei Bislacchi con l’aureola, ovvero si tratta di un effetto ottico chiamato controluce. Luci a Cologno.

3. CASTA DIVA

Nelle scorse settimane ha suscitato scalpore una rivelazione shock: la presentatrice non si unisce biblicamente ad un uomo da tre anni, ovvero dalla fine della sua ultima storia. A dichiararlo è stata lei stessa in un’intervista al settimanale Oggi, ribadendolo poi a Verissimo dall’amica Silvia Toffanin. Più tardi dirà di aver conosciuto un treno un uomo molto affascinante di cui però non sa nemmeno il nome. Ma lei crede ancora nell’amore, per parafrasare la sua ultima fatica letteraria.

2. L’INTERVISTA A SILVIO BERLUSCONI

Medaglia d’argento per l’intervista “in ginocchio” all’ex Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, avvenuta a Domenica Live. La Bislacca in questa occasione è stata prevedibilissima, ovvero non ha mai messo in difficoltà il suo interlocutore (e in qualche maniera datore di lavoro), suscitando indignazione su tutti i quotidiani per eccesso di servilismo. Ed ecco spiegato il motivo per cui relego questo dimenticabile momento televisivo al secondo posto anzichè al primo: Barbarella è una dipendente del Cavaliere. Di certo non mi sarei mai aspettato una domanda sullo stalliere (che infatti non ha posto), mentre molto scontata la domanda sulla fidanzata.

1. “CONTINUO A NON FARE INTERVENTI PERCHE’ COMPRENDO LA MAMMA”

Primo posto per il battibecco trash tra Maria Carmela e la mamma di Franco Fiorito, il capogruppo del Pdl alla Regione Lazio accusato di aver dilapidato un patrimonio coi soldi pubblici

“Io le vorrei precisare che non è bello ridere delle disgrazie altrui.
Lei è una conduttrice, che è diventata adesso conduttrice perché è stata un’attrice, io non la voglio offendere come sta offendendo mio figlio.
Perché lei, indirettamente, sta offendendo in una maniera indelicata, insensibile un ragazzo che ancora deve essere giustiziato”.

Ecco, rassicuriamo tutti che la pena capitale per fortuna in Italia non esiste. Buon Natale!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>