Astrorobot

di Redazione Commenta

Oggi per cartoni animati story parleremo di Astrorobot (Blocker Gundan IV Machine Blaster), l’anime giapponese prodotto dalla Nippon Animation del 1976, per la regia di Masami Anno e Akira Hatta, completo di 38 episodi, andati in onda per la prima volta in Italia nel 1980 sulla Rai.

Tutto comincia quando il popolo dei Moguro, che abita nei fondali marini, dopo secoli di letargo torna per conquistare la terra. La popolazione Moguro non è terrestre, ma Aliena e provengono dal pianeta 5D abbandonato milioni di anni or sono.

Furono proprio i Moguri a creare il popolo e la città di Atlantide, che come capo ha la regina degli Atlantidi Hellqueen, con un esercito di soldati e creature mostruose pronte a distruggere e dominare sulla terra.

Per fortuna, il professore Uri, scienziato a Capo dell’Organizzazione per la Difesa Mondiale ha realizzato una base difensiva chiamata Astro, formato da quattro robot componibili, con le più sofisticate armi di difesa, realizzati dal dottor Hojo.

Alla consolle di ognuno dei 4 robot sono stati scelti 4 ragazzi differenti, il primo è Yanosh Asuka, cresciuto in riformatorio, irrequieto e coraggioso ed affidato al robot Tempesta Spaziale che emana raggi laser, ha due mazze ferrate, spara missili d ha una mitragliatrice termoionica, il secondo è Gensuka Yshida, razionale e stratega affidato al robort Terremoto Stellare che possiede catene ai polsi, emana un fulmine, combatte con asce ed una alabarda, Ylly un ragazzo orfano di padre pilota lo Sfondamento Galattico che dalle corna emana un fulmine liquefacente, combatte con lame arpionate e missili, mentre il quarto è Ynta, un ragazzino di 10 anni amico di Yanosh e al comando del Turbine Solare che ha il pugno chiodato, missili dalla cintura, lame incandescenti ed un raggio laser dall’antenna.

Ognuno di loro possiede l’organo Y, che gli da la forza e la capacità di pilotare il robot, inoltre, spesso e volentiri a dare una mano ai ragazzi c’è la figlia del professore Hojo, la bella Uka, che durante le puntate si innamorerà del ribelle Yanosh.

Il gruppo ha anche una mascotte di nome Picot, un mini robot capace di leggere i pensieri e vedere chi ha il fattore Y.

Le battaglie si fanno sempre più intense e per riuscire a combattere in maniera invincibile riescono a raggiungere la massima potenza unendosi e creando la Girandola Y che sfreccia a velocità supersonica, ed altri attacchi come quello M, dove uniti lanciano un attacco energetico.

La guerra è lunga, la regina Hellqueen ha molti assi nella manica, come le soldatesse robot, ma alla sua morte subentrerà la sorella Sandra, temibile non meno della sorella deceduta e pronta a distruggere i terrestri. Il cambio di corona succede dopo la battaglia in cui moguru vengono sconfitti dagli Astrorobot. Alla fine della serie e dopo tante battaglie, i Moguro vengono sconfitti dalle forze di difesa terrestri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>