Bigazzi torna alla Prova del cuoco dopo la cacciata per la ricetta del gatto

di Valentina Petulla Commenta

Ve lo ricordate? Tre anni fa Beppe Bigazzi esordiva sugli schermi di La prova del cuoco in tutta la sua allegria, dando consigli su come cucinare e gustare i gatti. Si avete letto bene, proprio i gatti: dopo l’infelice uscita, che fece clamore anche sulla CNN, seguì la cacciata dalla trasmissione del  popolare gastronomo toscano, ed ora, dopo un lungo silenzio, ad annunciare il ritorno in Rai del cuoco è stata la stessa Antonella Clerici.

 

 

Dopo aver cercato di rispondere alla cacciata dalle sacre cucine della Rai con un programma culinario intitolato bischeri e bischerate su Alice tv, Bigazzi tornerà davanti ai fornelli della rete ammiraglia dal prossimo 9 settembre. In un’intervista a Tv sorrisi e canzoni, Antonella Clerici  ha confermato il ritorno del cuoco toscano, aggiungendo:

 

Penso che la sua sia stata una battuta uscita male perché conosco il suo amore per gli animali. E poi oramai ha 80 anni e tutto cade in prescrizione, è giusto dargli una possibilità. 

 

Una battuta? Stando alla puntata del 10 Febbraio di tre anni fa, più che una battuta sembra un discorso ben articolato e fluido su una ricetta che Bigazzi conosceva bene. Ed Elisa Isoardi, allora conduttrice del programma, rimase senza parole quando Bigazzi aggiunse che la carne di felino era “molto più buona di tanti altri animali, una vera e propria delizia” aggiungendo anche scabri metodi di preparazione come:” Si teneva il gatto per tre giorni nell’acqua del torrente per preparare al meglio le sue carnine bianche“.

 

 

E dopo questo coming out e la conseguente cacciata, Bigazzi pensò bene di rinfocolare la polemica con la prima puntata di bischeri e bischerate, in cui inaugurò il programma con due ricette sibilline:  Lingue di gatto e il salame felino. Insomma, dopo tutto il polverone e il lungo silenzio, ora si spera che al noto conduttore toscano non venga in mente di tirare in ballo la crisi e la salute come motivo per altre ricette da baraccone.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>