Barbara D’Urso spettacolarizza l’obesità e mette a stecchetto 3 vip

di Redazione Commenta

Ultimamente non si fa altro che parlare dell’importanza del giusto nutrimento, della vita sana e dell’esercizio fisico. Secondo voi sua maestà La Bislacca non ne ha approfittato per creare una nuova rubrica nelle sue trasmissioni?  Lo so, dovrei evitare di fare domande retoriche. Da domenica 7 aprile, Platinette, Paolo Villaggio e Katia Ricciarelli saranno messi a dieta da Barbara D’Urso. Ci sarà un intero spazio a Domenica Live e delle piccole finestre con gli “aggiornamenti” durante le puntate di Pomeriggio Cinque.

I tre vip, che insieme pesano ben 376 kg, saranno sottoposti ad una rigida dieta e ad una serie di sacrifici. A testimoniare i loro progressi ci saranno un implacabile metro e una (presumo enorme) bilancia. Questa sorta di reality durerà ben 28 giorni e tutto verrà costantemente ripreso dalle telecamere: tentazioni, sacrifici, eventuali (o probabili?) cedimenti… tutto sarà ripreso dall’occhio indiscreto degli autori di Barbara. Questa nuova parte della trasmissione è stata ironicamente battezzata Domenica (A)Live (dall’inglese alive, ovvero sopravvissuto).

 

Il peso da perdere non manca: guida la classifica Paolo Villaggio, con 145 kg. Segue, a brevissima distanza, Platinette con 142 kg. Fanalino di coda Katia Ricciarelli, con “soli” 89 kg. Avrebbe dovuto partecipare anche Maurizio Costanzo, ma pochi giorni prima dell’inizio del programma ha gettato la spugna. Dopo le centinaia di critiche sulla pagina Facebook di Amici 12, Maria De Filippi ha ben altre faccende scomode di cui occuparsi (tra cui la fuga di spoiler e anticipazioni).

La strada è sicuramente lunga, ma i tre eroi saranno affiancati da un enorme team, capitanato dai nutrizionisti Nicola Sorrentino e Pietro Migliaccio, lo psichiatra Raffaele Morelli e ben tre personal trainer: Jill Cooper, Gennaro Lillio e Cristian. I vizi gastronomici dei personaggi saranno poi raccontati dal critico Gianluca Nicoletti.

 

Combattere l’obesità è indubbiamente un gesto nobile. Ciò che lascia perplessi è l’inevitabile populismo  (che caratterizza solitamente i programmi di Barbara D’Urso) con cui verrà affrontato l’argomento. Sottoporre 3 persone con un evidente problema alla “pesata pubblica” non mi sembra una soluzione, ma una spettacolarizzazione del problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>