Il senso della vita: Antonella Clerici si racconta a Paolo Bonolis

di Redazione 1

Foto: AP/LaPresse

Antonella Clerici sarà la protagonista della fotointervista di Paolo Bonolis, domani sera, in prima serata (21.10) su Canale 5 a Il senso della vita. La conduttrice si racconta attraverso i pensieri suggeriti dalle immagini mostrate.

Dopo il salto potete leggere alcuni stralci delle sue dichiarazioni:

FESTIVAL DI SANREMO

Mi ricordo ancora quando tu paolo mi chiamasti per fare il festival del 2005 insieme, credevo fosse uno scherzo..lo ricordo con affetto, tu sei stato un maestro per me, mi sono divertita moltissimo e mi è servito per fare il mio festival nel 2009….l’ ho condotto da sola perchè nessuno ha voluto farlo con me!

CIBO

Dopo la bimba sono ingrassata e sto più attenta. ma mi spengo se mi metto a dieta, meglio qualche chilo in più. per quello che mangio sono filiforme!

BARBARA D’URSO

Non ci conosciamo bene, solo di vista e non abbiamo rapporti amicali…ho avuto un problema di gossip col mio compagno ed essendo un personaggio pubblico è naturale che se ne sia parlato.. le mie colleghe amiche e meno amiche, per rispetto nei miei confronti, hanno fatto in modo di rendermi la pillola meno amara… lei ne ha parlato, ma non è questo.. parlare di un presunto tradimento va bene, raccontare la notizia va bene, ma dare per scontato che esista un amante che sei disposta anche ad intervistare mi ha ferito perchè io non l’avrei mai fatto, senza rancore.

PAURE

Io ho paura dei letti matrimoniali. mia nonna è morta quando io avevo 5anni e mia madre mi portò a darle un ultimo saluto. ricordo come se fosse ieri com’era vestita, le parole che vennero dette in quella stanza, la posizione del letto, rimasi molto impressionata. e ancora oggi se entro in una casa che non conosco e vedo un letto matrimoniale in penombra posto in un determinato modo rivedo quella scena. ho paura della rigidità di quel momento, di un corpo senza vita.

MAMMA

(Commossa) Avevo 32 anni lei 55 ed un male improvviso se la portò via in tre mesi. era una persona perbene, una donna bellissima, voleva fare l’annunciatrice ma mio padre era troppo geloso. Ciò che sono lo devo a lei e mi manca tanto. quando ho avuto maelle la prima persona con la quale avrei voluto parlare era proprio lei. ha visto solo una parte della mia carriera ma credo sarebbe stata contenta di quello che sono oggi e sarebbe stata una nonna fantastica.

MAELLE (la figlia)

Ho fatto tante cure per averla e proprio quando non ci speravo più sono rimasta incinta. essere genitore è un grande privilegio.. non vorrei mai sopravvivere a lei, per il resto posso sopportare tutto.

di me stessa posso dire che sono contenta. forse vorrei avere 10anni di meno, perchè secondo me l’età migliore per una donna è fra i 35 e i 45 anni. se mi guardo dentro mi piaccio perchè non ho mai tradito me stessa nè le persone alle quali ho voluto bene e non ho mai fatto male a nessuno. ho agito con dignità, leatà e coerenza.

Commenti (1)

  1. Antonella sei sempre la MIGLIORE,continua così!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>