Agcom multa Tg1, Tg2, Tg4, Tg5 e Studio Aperto per sovraesposizione di Silvio Berlusconi

di Redazione Commenta

Foto: AP/LaPresse

Agcom ha punito l’eccessiva esposizione mediatica riservata al presidente del consiglio Silvio Berlusconi da Tg2, Tg5, Studio Aperto, Tg1 e Tg4 nella giornata di venerdì 20 maggio con multe da 100mila euro nei primi tre casi e da 258mila euro (il massimo della multa) negli ultimi due casi. L’autorità dice:

le interviste a Berlusconi, tutte contenenti opinioni e valutazioni politiche sui temi della campagna elettorale, ed omologhe per modalità di esposizione mediatica, hanno determinato una violazione dei regolamenti elettorali emanati dalla Commissione parlamentare di Vigilanza e dall’ Agcom.

Non si sono fatte attendere le reazioni. Mediaset in una nota si dice allibita:

Mediaset è allibita per le sanzioni decise oggi dall’Agcom contro le quali ricorrerà immediatamente al TAR. Con questa decisione l’Autority impedisce di fatto alle televisioni di fare il proprio mestiere di informazione e in questo modo diventa parte anziché arbitro, come la legge vorrebbe, del confronto politico.

Il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri prima di conoscere l’esito dell’Authority aveva anticipato il possibile ricorso:

Noi siamo equilibrati come sempre. Laddove in giorno magari si sfora perché si dà priorità a una notizia, poi si recupera. Se la decisione dell’Agcom fosse negativa ricorreremmo come abbiamo già fatto l’ultima volta, vincendo. Se c’è un’azienda che è sempre stata corretta ed equilibrata, siamo noi. Purtroppo in questo momento hanno sollevato un vespaio per una cosa che è già stata equilibrata o che sta per esserlo. In questo caso, non dovrebbe neppure essere considerata la par condicio perché la competizione elettorale riguarda solo una parte del paese che non è neanche la metà.

Il direttore del Tg5 Clemente Mimun, saputa la notizia, ha commentato:

Che intervistare il leader del partito di maggioranza relativa, nonché presidente del Consiglio, per commentare i risultati del primo turno delle amministrative, possa portare ad una sanzione da parte di un organismo di garanzia, è assolutamente paradossale.

Il direttore del Tg1 Augusto Minzolini ha detto:

Ho fatto il giornalista, ho seguito solo un criterio professionale. Il premier non parlava da 5 giorni, ossia dal giorno dei risultati del primo turno. Era o no una notizia la sua intervista? Secondo me lo era. L’avrebbero pubblicata tutti i giornali. Quindi il criterio giornalistico è stato messo da parte e ne è stato introdotto un altro dai contorni confusi che non è neppure quello della par condicio, visto che l’equilibrio in tv era assicurato dalla natura e dai tempi delle presenze dei politici dell’opposizione nelle edizioni del Tg sia dei giorni precedenti che di quelli successivi. Come possono confermare i dati.

Corrado Calabrò ricorda che la valutazione è stata:

strettamente giuridica e non politica. La commissione ha fatto una valutazione tecnica e giuridica della situazione: la violazione c’è e le sanzioni ne sono la naturale conseguenza.

L’Usigrai, per voce di Carlo Verna, chiede che siano i direttori dei Tg a pagare:

Le sanzioni dell’Agcom sono cadute mentre le incursioni di Berlusconi continuano. La Rai dovrà rivalersi su chi le ha determinate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>