Il mostro di Udine, da mercoledì 22 maggio alle 22.00 su Crime+Investigation

di Antonio Ruggiero Commenta

A partire da mercoledì 22 maggio alle 22.00 Crime+Investigation trasmette in prima visione assoluta la docu-serie in quattro episodi Il mostro di Udine

Subito dopo il salto, alcune anticipazioni su Il mostro di Udine, la docu-serie televisiva che andrà in onda in prima visione assoluta da mercoledì 22 maggio alle 22.00 su Crime+Investigation (in esclusiva su Sky al canale 119).

Il mostro di Udine, anticipazioni

Dal 1971 al 1989 più di nove donne furono uccise nella zona di Udine. Nessun colpevole è stato mai trovato per questa lunga serie di omicidi. Per almeno quattro di essi si è ipotizzato che la mano fosse la medesima: stessa tipologie di vittime, stesso modus operandi, stessa terribile violenza.

Il mostro di Udine è la prima serie di real investigation: quattro episodi di un’ora ciascuno che ripercorrono la storia di questi omicidi irrisolti, tutti accaduti nell’isola felice di Udine e provano a riaprire le indagini su uno dei cold case più feroci di sempre.

Le vittime erano donne che si aggiravano per le strade di notte, da sole: alcune si prostituivano, altre si drogavano, altre ancora avevano problemi di alcolismo: prede facili per un maniaco sessuale o uno spietato assassino. La docu-serie ricostruisce la tragica fine di Maria Luisa Bernardo, Maria Carla Bellone, Marina Lepre, Luana Gianporcaro, Aurelia Januschewitz, Irene Belletti, Jacqueline Brechbuhler, Maria Bucovaz e Stojanka Joksimovic. Dietro questa scia di sangue potrebbero nascondersi uno o due serial killer, la cui identità non è mai stata rivelata. Il mostro di Udine ancora oggi, infatti, non ha un nome.

La serie di Crime+Investigation si mette sulle tracce dell’assassino, analizza attraverso le nuove tecnologie i reperti ancora disponibili, va a caccia di inedite testimonianze e indizi mai raccolti. Incontra i figli delle vittime e i conoscenti che non hanno mai parlato davanti alle telecamere. Ricostruisce i casi da un nuovo punto di vista: intervista i poliziotti, i carabinieri, i magistrati e i giornalisti che si occuparono delle vicende e ricorre alla collaborazione di scienziati forensi che, approcciandosi per la prima volta alle indagini, consentono di illuminare i punti oscuri delle diverse storie.

Nelle scorse settimane l’avvocato Federica Tosel, incaricata dai parenti di due delle vittime, la Bernardo e la Bellone, ha presentato istanza di riapertura delle indagini presso la Procura di Udine. Infatti, grazie alle riprese della docu-serie televisiva, sono stati ritrovati alcuni reperti che non vennero analizzati all’epoca delle inchieste, dal momento che l’allora scienza forense non disponeva dei mezzi tecnici per farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>