Ho sempre avuto una necessità quasi fisica di recensire personalmente The Osbournes. Il perchè è presto spiegato. Da rockettaro per me Ozzy Osbourne, con i suoi Black Sabbath rappresenta un passaggio fondamentale, non si prescinde da lui se si ama e si ascolta un certo tipo di musica.

Poi c’è il tempo, inesorabile, pericoloso e insidioso, che lavora giorno e notte, che tu lo guardi negli occhi o no, che tu gli presti attenzione o no.

Poi ancora, c’è lo stile di vita delle persone, la loro vita privata, tutta circondata da un’aura protettiva, nella quale l’altro non può entrare entrare con fare arrogante per poi mettersi a giudicare, ed io non sarò da meno. Ed ecco Ozzy oggi.


Sicuramente il tempo è passato per Ozzy, che quest’anno compie 60 anni, e che fisicamente mostra, com’è giusto che sia, i segni dell’età, ed ha cambiato completamente stile e obiettivi di vita. Da “animale da palcoscenico” a “animale da reality”, con una vena di sit-com.

MTV ci fa entrare in un modo originale nelle abitudini degli altri, in particolare nella quotidianità della famiglia Osbourne, e ci regala una forma di serial originale, considerato anche che la trasmissione ha qualche annetto di età, dato che la prima stagione risale al 2002 mentre l’ultima, la quarta, al 2005.

Seguiamo quindi l’intera famiglia Osbourne nelle sue attività quotidiane, che rappresentano una proiezione in grande della vita di tutti i giorni di una normale famiglia americana, con particolare enfasi posta su alcuni eventi, ora la programmazione di un viaggio che poi non viene intrapreso dalla moglie, Kelly Osbourne, ora come un problema post-adolescenziale della figlia Kelly Osbourne.

Ogni cosa che si para di fronte ai nostri occhi trasuda ricchezza. Accompagnamo Kelly e Jack Osbourne (il figlio) a fare shopping, magari accompagnati dall’amico super-spendaccione Elton John. E’ interessante vedere il lusso sopra le righe emanare dall’arredamento della loro casa ingombra di arredamento kitsch.

Un lusso che traspira dall’intera vita dei protagonisti, che ci mostrano una normalità assolutamente rilassata e fuori dal comune.</

Ozzy si aggira in modo rilassato per casa o in giro, l’espressione vacua ai limiti del preoccupante, e poi mangia, parla poco, si sposta intercalando rigorosamente tutto con dei ritmici “cazzo” che sostengono di volta in volta le sue argomentazioni.

Le cose che succedono in famiglia Osbourne, per quanto a volte un po’ bizzarre, non sono esattamente sconvolgenti, nè, spesso, particolarmente divertenti. Il divertimento è dato dai comportamenti e relativi atteggiamenti dei protagonisti.

Fa sempre impressione vedere una rock star di quel calibro aggirarsi per casa con scarsissima voglia di affrontare certi tipi di beghe familiari, nel tentativo di portare avanti la propria, rilassantissima giornata. In parte può ricordare vagamente la vita di ciascuno di noi, anche se in modo molto vago..

Tuttavia vedere una famiglia “quasi vera”, se pure filtrata da telecamere di serial-oriented, rappresenta un punto di contatto tra il reality e il serial che ci fa riflettere su come per essere divertenti non si debba essere necessariamente cognitivamente impegnativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>