Luigi Pelazza, Iena per caso

di Redazione 1

Il conduttore Luigi Pelazza, nato a Torino il 2 febbraio del 1969, inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo quasi per caso: infatti dopo aver militato per ben sei anni nel nucleo Carabinieri, si trasferisce a vivere in Sardegna, precisamente nella cittadina di Alghero. Qui viene notato dagli autori di una rete televisiva locale che gli affidano la conduzione de Il Rompiscatole, un programma di denuncia sociale molto simile a Le Iene.

Il programma ha un grandissimo successo, tanto che il segnale dell’emittente televisiva venne esteso a tutta la Sardegna: viene notato dalla redazione della trasmissione Le Iene che gli propone di realizzare qualche servizio come iniziale collaborazione. Anche in questo caso Luigi Pellazza se la cava egregiamente e nel 2002 diventa una iena a tutti gli effetti: nella storica trasmissione di Italia 1, Luigi si occupa in particolar modo di servizi esteri, su temi pericolosi e scottanti. Nel 2007 è stato anche inviato per la trasmissione di Italia 1 Scappati con la cassa. Attualmente il giornalista è impegnato nella nuova edizione de Le Iene.

Curiosità: Luigi Pellazza collabora anche in qualità di giornalista con il quotidiano L’eco del Chisone dove cura una rubrica mensile per poter conseguire l’abilitazione di giornalista professionista; ha ricevuto il premio giornalistico internazionale Guido Carletti per la realizzazione di un reportage sui bambini in Congo; è presidente onorario di alcune associazioni come Il Buon Samaritano, che si occupa di sociale; è un grande sportivo, tanto che pratica lo sci e il trekking e, durante la sua esperienza di Carabiniere, ha anche fatto parte della Squadra di soccorso alpino; ha il brevetto subacqueo e quello per praticare la vela, una passione che lo rilassa molto e che pratica da moltissimo tempo; ha scritto il libro Un mondo quasi perfetto, pubblicato nel 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>