Massimo Di Cataldo, su Facebook foto della compagna picchiata a sangue dal cantante

di Marcello Filograsso Commenta

Il cantante Massimo Di Cataldo avrebbe picchiato selvaggiamente la compagna Anna Laura Millacci e le percosse sarebbero state tali da farle perdere il bambino: la donna ha postato su Facebook foto terribili e la polizia sta svolgendo i dovuti accertamenti.Anna Laura  Millacci ha caricato sulla propria pagina Facebook alcune foto tremende. Un rivolo di sangue che scende dal naso, l’occhio tumefatto, il lavandino sporco di sangue rappreso. Foto delle quotidiane percosse che la donna dice di aver ricevuto dal suo compagno, il cantante Massimo Di Cataldo, artista noto negli anni Novanta per canzoni come Se adesso te ne vai, Come sei bella, Scusa se ti chiamo amore.

Queste foto che ho postato sono di venti giorni fa. Ho pensato a lungo se farlo o meno. Ma credo nella dignità e nel rispetto delle donne». Racconta di averlo perdonato tante volte, di essere stata picchiata anche quando era incinta della loro bimba Rosalù, un’altra volta le botte prese le hanno causato un aborto. Lo fa per tante donne vittime di violenza, scrive ancora: «Io non ho un carattere facile e le liti possono accadere. Ma mai nessun uomo potrà mai più farmi questo a me e alla vita. Di Cataldo se proprio devi continuare a fare musica, se hai un po’ di dignità non nominare mai più le donne. Perché le hai sempre e solo menate“.

I social network si sono prevedibilmente scatenati da subito e il cantante è stato messo da subito alla gogna, nonostante la polizia debba accertarsi della veridicità delle foto. La loro storia durava da ben tredici anni.

Ecco invece cosa ha detto su Twitter il cantante. “Solo poco fa ho appreso da Facebook cosa sta succedendo e sono sconvolto. Come può una donna, madre di mia figlia, arrivare a tanto, alterando la realtà, solo perchè una storia finisce? Farò di tutto per tutelarmi, prima come uomo e poi come artista”.

Anna Laura Millacci ha addirittura postato una foto del feto nel bidet in un lago di sangue, l’immagine sicuramente più sconvolgente di tutte oltre a quelle del volto tumefatto. Non possiamo dire se Massimo Di Cataldo sia colpevole o innocente, ma a Music Farm effettivamente aveva un carattere piuttosto irascibile, per il quale venne isolato dai compagni. Una volta per esempio buttò a terra tutto il servizio del buffet. Certo che se dovesse essere tutto confermato per il cantante sarebbe la fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>