Dario Fo muore a 90 anni, il mondo piange la sua scomparsa

di Redazione Commenta

La notizia della morte del grande artista della letteratura premio Nobel ha fatto il giro del mondo nel ricordo della sua inimitabile satira. Il saluto di De Luca, Fazio e Saviano

Il mondo del teatro piange la scomparsa del grande attore, drammaturgo e scrittore premio Nobel per la Letteratura, pittore, scenografo e attivista politico. O, semplicemente, Dario Fo.

All’età di 90 anni, Dario Fo ci ha lasciati nella mattina di giovedì 13 ottobre: l’artista è spirato all’ospedale Sacco di Milano, dove era ricoverato da 10 giorni per problemi polmonari.

Dario Fo è stato portato d’urgenza in ospedale lo scorso 3 ottobre per insufficienza respiratoria, per poi spegnersi proprio nel giorno in cui viene assegnato quest’anno il premio Nobel per la Letteratura 2016, che Fo ricevette nel 1997.

Roberto Saviano ha scritto su Facebook:

Non c’è intellettuale, poeta, scrittore, drammaturgo, attore cui io sia più legato che a Dario Fo. E gli sono debitore per l’appoggio e la protezione. Lui e Franca Rame non mi hanno mai fatto mancare il loro sostegno e la loro vicinanza. Mi sono stati incondizionatamente vicini. Amici veri… Il dolore che provo ora è grande e smisurata è la riconoscenza verso un genio vero, non solo del teatro e della letteratura, ma soprattutto della vita.

Erri De Luca, amico e scrittore, ha commentato su Twitter:

Oggi è morto il più allegro premio Nobel della letteratura di ogni tempo. Al posto di una lacrima gli si deve un sorriso.

Anche Fabio Fazio, che ha ospitato Fo su Rai 3 a Che Tempo Che Fa soltanto sei mesi fa, ha twittato:

Con Dario Fo abbiamo perso una parte di noi. E mai come questa volta è difficile stare allegri…

 

Photo Credits | Giovanni Giovannetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>