Quinta Colonna, 25 Novembre: Salvini, De Girolamo, Chaouki

Nel nuovo appuntamento di Quinta Colonna, in onda ogni lunedì in prima serata su Rete 4, propone innanzitutto un faccia a faccia tra il conduttore Paolo Del Debbio e il leader della Lega Nord Matteo Salvini; a seguire, il talk politico accende i riflettori sulle occupazioni abusive e la sicurezza dopo i recenti casi di cronaca.

Read more

Quinta Colonna 17 Novembre: Alfano, Gelmini, Santanchè

Lunedì 17 Novembre la politica italiana si ritrova nel salotto di Rete 4 con Paolo Del Debbio per Quinta Colonna: ad aprire l’appuntamento settimanale con i fatti e i commenti dei protagonisti delle vicende politiche troviamo nell’ormai consueto faccia a faccia il Ministro degli Interni Angelino Alfano.

Read more

Ballarò, 1 Aprile: Taddei, De Girolamo, Gelmini

Ballarò propone nella nuova puntata in onda martedì 1 Aprile alle 21.05 su Rai 3 una nuova discussione politica con esponenti dei partiti ed esperti del settore: il Senato è la nuova frontiera di Matteo Renzi, con il premier che punta di nuovo sulle riforme e conta sui voti a Palazza Madama, proprio mentre si avvicina la scadenza degli 80 euro in busta paga.

Read more

Annozero, vai avanti tu tra politici sull’orlo di una crisi di nervi e il malcontento sociale


Scene di ordinaria follia nella puntata appena terminata di Annozero su Raidue dal titolo Vai avanti tu, che fa il verso a una nota pellicola del 1982 di Giorgio Capitani con Lino Banfi. Che mi vien da ridere ci sentiamo di aggiungere, sebbene il pietoso teatrino a cui abbiamo assistito faccia tristemente da cornice al momento difficile che attraversa la politica italiana e non solo quella. Dopo un servizio di Sandro Ruotolo in cui vengono messi in evidenza con efficacia i drammatici fatti accaduti a Roma durante le manifestazioni dello scorso 14 dicembre, Giulia Innocenzi della redazione dà la parola a Luca Cafagna studente di scienze politiche de La Sapienza di Roma chiedendogli se simili atti di violenza non abbiamo allontanato l’opinione pubblica, favorevole in prima battuta, dalle posizioni del movimento studentesco contrario alla riforma universitaria voluta dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini.

La risposta lascia preludere a posizioni non proprio accomodanti degli studenti con Cafagna che sottolinea un malcontento serpeggiante da più di 15 anni a causa di Governi sempre meno sensibili alle problematiche sociali, il fatto che nelle assemblee i partecipanti siano semmai aumentati e che il 14 dicembre sia una giornata da storicizzare. Nel frattempo il ministro della Difesa Ignazio La Russa fra gli ospiti in studio, accompagna con continui mugugni le dichiarazioni dello studente assumendo l’atteggiamento di chi si trova sempre più a disagio, fino a esplodere in una serie di improperi tra cui “vigliacco” e “incapace”, ravvisando nelle parole del ragazzo l’apologia di reato per non aver di fatto stigmatizzato chi ha assalito i poliziotti schierati a difesa dei palazzi governativi.

La scena surreale è in un crescendo tale tra lo stupore dei presenti, che sembra d’assistere a una finzione scenica, con La Russa paonazzo e ormai incontenibile che mostra l’intenzione di abbandonare lo studio, per poi ripensarci successivamente di fronte all’atteggiamento pacificatore del segretario Udc Pier Ferdinando Casini, desideroso di sentire dagli studenti parole di condanna degli incidenti romani che di fatto non arrivano. Posizione discutibile quella degli universitari? O semmai i sintomi di una polveriera destinata ad esplodere?

Read more