Zelig: Virginia Raffaele e Paolo Ruffini insieme a Fabio De Luigi?

Il recente addio a Zelig di Paola Cortellesi ma sopratutto quello del capocomico storico del programma Claudio Bisio ha fatto inevitabilmente partire il toto-nomi per la prossima stagione del varietà comico di Canale 5. La Stampa ha fatto i nomi di Fabio De Luigi, Virginia Raffaele e Paolo Ruffini.

Read more

Zelig Off la terza edizione su Canale 5 insieme a Teresa Mannino e Federico Basso

Da questa sera, su Canale 5 alle 23.40 torna Zelig Off con dieci fantastiche puntate e con un doppio appuntamento il mercoledì e la domenica (tranne che per il 24 ed il 31 dicembre).

Il programma verrà condotto anche questa volta dal duo Teresa Mannino e Federico Basso, che insieme presenteranno una carrellata di comici, in totale 35, pronti a farci ridere a crepapelle.

Come sempre a supervisionare la trasmissione ci sono gli autori Gino & Michele con Giancarlo Bozzo, poi Giuseppe Loppolo, Daniele Savi, Roberto Bosatra, Enrico Dusi, Laura Liguori e Marco Beltrami alla regia.

Read more

Zelig Presenta, Gino Vignali parla dei tre one man show

Gino Vignali del duo Gino & Michele, padre, insieme al suo socio e a Giancarlo Bozzo, di Zelig, ha rivelato a Il giornale cosa dovremo attenderci dai tre one-man-show, intitolati Zelig Presenta (E ora ballano da soli), dedicati a Enrico Brignano (il 16 e il 17 settembre), Ale & Franz (il 24 settembre) e Checco Zalone (il primo ottobre).

L’operazione, che nasce dalla necessità di far riposare lo Zelig classico per ricostruire il repertorio e dall’esigenza dell’azienda di coprire la stagione autunnale, porterà i comici sopracitati a dover intrattenere il pubblico per un’intera serata (due ore di show). Il compito non è di certo dei più agevoli (“Bisogna vedere se il pubblico regge a un monologo di 32 minuti”):

Per questo abbiamo scelto attori in cui crediamo molto: Brignano, che rappresenta la scuola romana, poi Ale & Franz, del filone milanese e Checco Zalone che classificabile non è, comunque è pugliese, passando quindi da un genere all’altro, dal monologo alla parodia al non sense.

Read more