The Biggest Show In The World Giochi Senza Frontiere edizione mondiale in tv nel 2016

Dopo 17 anni, il format di intrattenimento e sport Giochi Senza Frontiere potrebbe tornare in tv, rivisitato e corretto, s’intende: in occasione del cinquantesimo anniversario dalla nascita del torneo di giochi televisivi prodotto dall’Unione Europea di Radiodiffusione (UER), lo storico conduttore Ettore Andenna ha annunciato via Facebook il ritorno di una versione del format dal titolo The Biggest Show In The World. Che possa tornare in tv su Rai 1 come è accaduto in passato?

Giochi senza Frontiere

Oggi per programmi tv del passato parleremo della trasmissione televisiva amata da molte generazioni, Giochi senza frontiere, un programma prodotto dalla European Broadcasting Union: andato in onda per la prima volta nel 1965, fino al 1982 andò sempre in onda nel periodo estivo, con un seguito di numerosi fan, non solo italiani, ma anche Francesi, Tedeschi e più o meno di 20 differenti nazionalità. Dal 1982 al 1988 la trasmissione venne sospesa, per poi ricominciare ed andare in onda fino al 1999. In italia, il programma venne mandato in onda fino al 1982 su Raidue, poi dal 1988 al 1995 andò in onda su Raiuno

Giochi senza Frontiere non era la solita trasmissione estiva, ma una specie di Olimpiadi, dove una nazione aveva come rappresentante una città che sfidava altre città di altre nazioni, in prove è pressoché bizzarre e divertenti. Il risultato della sana competizione era che tutti i cittadini si sentivano parte integrante di un’unica nazione.

In cosa consisteva Giochi senza frontiere? Semplice: ogni squadra doveva superare una serie di prove per avere più punti possibili, inoltre se la squadra aveva un gioco in cui andava forte poteva richiedere il jolly, che raddoppiava il punteggio. A turno, le squadre dovevano saltare una prova per il fil rouge. Ogni gioco aveva qualche particolari: c’erano i giochi in acqua, quelli in cui bisognava affrontare un percorso ricco di insidie, quelli in cui bisognava usare  la forza e quelli in cui bisognava essere coordinati.

Ettore Andenna a Cinetivù: la tv italiana manca di qualità

Questa settimana Cinetivù ha incontrato uno dei personaggi più rappresentativi della televisione italiana, Ettore Andenna, conduttore televisivo, giornalista, già europarlamentare, una lunga carriera alle spalle: ecco le sue riflessioni sulla tv di oggi e di domani!

Ettore Andenna è definito dai più uno dei padri della televisione libera italiana, ma il tuo esordio nel mondo dei mass media è stato a Radio Montecarlo puoi raccontarci questa prima fase della tua carriera artistica?

Frequentavo la scuola d’arte drammatica dei Filodrammatici di Milano, perché ero interessato alla regia e mi piaceva la storia del teatro, venne a fare un provino ai maschietti un signore francese, con una perenne pipa in bocca, che cercava una voce per il progetto di una radio italiana da Montecarlo e dopo due mesi ricevetti una chiamata per andare a fare un provino più approfondito. Andai a Radiomontecarlo, nel Principato, il 12 dicembre 1967. La mattina dopo ero in diretta, francamente terrorizzato, per due ore ad animare senza averlo mai fatto in vita mia. Ci sono rimasto per dieci anni. Quel signore francese era il grandissimo Noel Coutisson devo molto del mio modo di fare spettacolo a lui.

E poi arriva Il Dirodorlando ovvero la tv dei ragazzi….

Barabitte e barabitti, strangugliotti e maddezzuppi, valdomiri e ponterbi… e voi prodi baldostenghi, benvenuti alla grande Lovertanga carnascialesca! Cominciava così, andava in onda il sabato alle 17.00 su Rai 1 dal 1973 al 1975 e faceva dieci milioni di ascoltatori, di cui tre milioni di adulti che cercavano di capire questo strano linguaggio fra noi ed i loro figli o nipoti. E’ stata l’ultima vera trasmissione della Tv dei ragazzi. Ma prima avevo fatto Scacco al Re, con autori Terzoli, Vaime, Guglielmo Zucconi, Bianca Pitzorno, Cino Tortorella …e scusate se è poco.

GRP: Giornale Radiotelevisivo Piemonte

All’alba del periodo in cui le televisioni locali muovevano i primi passi nell’etere italiano GRP ovvero Giornale Radio Piemonte con sede a Torino, è già una realtà importante sul territorio, prima come radio, poi come televisione fondata dal marchese Stelio Cassano di Camerana. Nel 1976, la Rai non è presente con le redazioni locali del terzo canale, le tv private hanno buon gioco nel campo dell’informazione e considerato che le stesse sono ancora in numero esiguo in Piemonte, GRP riesce ad affermarsi con una certa facilità. L’emittente è tra le prime a diffondere le proprie trasmissioni a colori, nel 1979 la programmazione copre le 24 ore, con una copertura del segnale che raggiunge non solo tutto il Piemonte ma anche la Val D’Aosta e la Svizzera Italiana.

L’acquisto di GRP da parte della storica nonchè blasonata Antenna 3 Lombardia consente all’emittente piemontese di raggiungere l’apice del successo, oltre a fungere da trampolino di lancio a quelli che diverranno volti noti nel campo dell’intrattenimento televisivo e del giornalismo fra cui Piero Chiambretti, Alba Parietti, Ramona Dell’Abate, Maria Teresa Ruta, ma anche Gian Paolo Ormezzano, Maura Fassio e Daniele Cerrato, oggi giornalisti Rai e Sara Varetto oggi a Sky Tg24

Fra le trasmissioni storiche dell’emittente entra a far parte La Bustarella condotto da Ettore Andenna realizzato in coproduzione con Antenna 3 Lombardia e caratterizzato dall’alto numero di spot pubblicitari, a rappresentare uno dei primi esempi di programmi sponsorizzati. Come avviene per le altre insigni consorelle sparse sul territorio italiano, anche GRP decide di entrare a far parte di circuiti televisivi, le cosiddette syndication, la prima è Euro Tv poi ne seguiranno altre fra cui Odeon, Cinquestelle, TV Italia, Junior TV, Super Six.