Ascolti Tv venerdì 11 giugno 2010: Attenti a quei due batte The Rebound. Male NCIS e CSI

Il varietà condotto da Max Giusti e Fabrizio Frizzi, Attenti a quei due, con Alessandra Celentano, Barbara De Rossi e Mara Maionchi in qualità di giurate, si aggiudica la serata del venerdì con una media pari a 4.738.000 telespettatori, share 23.03%. Su Canale 5 non decolla in prima visione tv The Rebound – Ricomincio dall’amore con Catherine Zeta-Jones e Justin Bartha, fermo a 3.234.000 telespettatori, share 15,55%.

Deludono le due serie tv polizesche di Raidue: NCIS, che ha sostituito all’ultimo momento il flop d’inizio estate Private Practice ha ottenuto 1.860.000 telespettatori, share 8,58% nel primo episodio, 2.090.000 speattatori, share 9,57% nel secondo e solo 1.874.000 spettatori, share 10,10% nel terzo. Nemmeno CSI: Scena del crimine riesce a portare a casa un risultato incoraggiante: 1.570.000 telespettatori, share 7,52%.

CineTV Oggi: programmi televisivi 22 Maggio 2008

Buongiorno e benvenuti alla rubrica CineTV Oggi. Diamo un’occhiata a ciò che potremo vedere in televisione nelle prossime 24 ore.

Rai 1
In prima serate tornano le storie degli abitanti di Villa Isabella nella dodicesima puntata di Capri 2 (21.10). In seconda serata consueto appuntamento con Porta a porta (23.20).

Rai 2
Il presidente spazzino è il titolo della puntata di Anno Zero (21.05), il programma di Michele Santoro: riuscirà Berlusconi a risolvere l’emergenza rifiuti, a dare sicurezza e più soldi agli italiani? In studio Antonio Di pietro, Alessandra Mussolini, Maurizio Belpietro, Antonello Venditti, Monica Frassoni e come sempre Marco Travaglio, Beatrice Borromeo e le vignette di Vauro. In seconda serata, il nuovo appuntamento con Pirati (23.15) ci parlerà della nuova moda delle minicar modificate e con Belen Rodriguez incontrerà Luca Tomassini e Joaquin Cortes, mentre Lisa Fusco sarà sulle orme di Carla Bruni e tanto altro ancora. Chiude la serata l’episodio della tredicesima stagione di Law & Order (0.25) dal titolo Suicidio assistito.

Vedreste mai un film con Tommaso Crociera o Guglielmino Fabbro? Già l’avete fatto!

Il successo del discusso Scusa ma ti chiamo amore ha riacceso una curiosa diatriba sull’importanza che ha un bel nome per essere un attore di successo. Mi spiego meglio: può una ragazza che vuol fare cinema chiamarsi Michela Quattrociocche? Quanto conta l’importanza di un bel nome per riuscire a sfondare nel fantastico mondo patinato dello spettacolo?

Homer in una puntata de I Simpson cambia il suo nome in Max Power e diventa subito una celebrità. In Italia Carlo Pedersoli (Bud Spencer) e Mario Girotti (Terence Hill) diventano gli attori più visti del cinema italiano modificando la loro identità anagrafica. Lo stesso successo arriva anche a Serena Faggioli (Serena Grandi) e Sofia Scicolone (Sophia Loren) e ultimamente a Riccardo Fortunati (Ricky Memphis). Sarebbero diventati quelli che sono mantenendo il loro nome o sarebbero finiti nell’anonimato?

La risposta è semplice: il talento è importante, il bel nome aiuta, ma non condiziona irreparabilmente la possibile notorietà dell’attore. Alcuni esempi in Italia possono essere: Alberto Sordi, Carlo Verdone, Isabella Ferrari, Anna Falchi, Giovanna Mezzogiorno, Michele Placido, Stefania Rocca, Paolo Villaggio, Fabio Volo, Stefano Accorsi e Stefano Pesce. Pur avendo nomi di animali, colori, azioni, oggetti, o altro queste persone si sono affermate sul piccolo e sul grande schermo.

Febbraio 2008 a noleggio: arrivano i film candidati all’Oscar con George Clooney e Cate Blanchett

A Febbraio escono a noleggio film per tutti i gusti, prevalentemente drammatici. Da non perdere, per chi non li avesse visti al cinema grandi attori come George Clooney in Michael Clayton, Bruce Willis in Die Hard, Pierce Brosnan in The Matador, Christian Bale e Russel Crow in Quel Treno per Yuma e Keira Knightley in Seta.

Per gli amanti del cinema italiano segnalo le uscite dei film di Vanzina e Faenza, nonché l’arrivo delle Winx in Home video e il film Scrivilo sui muri, che descrive (male) un universo poco conosciuto. Consiglio di provare a vedere L’uomo privato, un thriller italiano (non l’ho visto, ma credo che si debba spingere film italiani di generi differenti dalle solite commedie).

Di seguito, in dettaglio tutti i film in uscita a noleggio, giorno per giorno: