Scusate il disturbo, riassunto prima puntata

Ieri sera è andata in onda la prima parte della fiction di Raiuno, Scusate il disturbo. Siamo in Argentina, a Buenos Aires, alla fine degli anni ’50 e ’60; i vecchi amici si ritrovano al Bar Italia, immigrati di vecchia data: Antonio (Lino Banfi), falegname in pensione, Peppino (Lino Toffolo)(suo ex-aiutante), Gino ( Arturo Goetz) e Vittorio (Hugo Arano).

Il Natale sta per arrivare, e si respira un’atmosfera gradevole, quasi irreale se paragonata al nostro Natale italiano: un Natale sereno, incentrato sulla cura di particolari come la construzione di un presepe da concorso.

Il problema è che arriva Guido (Blas Roca Rey), figlio di Antonio. Il pretesto sembra gradevole e naturale: il settantesimo compleanno di Antonio. L’atmosfera, però, è un pò falsata, c’è qualcosa che non va. Guido sorride troppo, sua moglie troppo poco.

Read more

Scusate il disturbo, Lino Banfi e Lino Toffolo questa sera su Raiuno. Foto

Da questa sera su Raiuno va in onda Scusate il disturbo, il film tv in due puntate ambientato in Argentina, che vede protagonista l’insolita coppia formata da Lino Banfi e Lino Toffolo.

La fiction prodotta da Grundy Italia in collaborazione con RaiFiction e diretta da Luca Manfredi, racconta la storia di una piccola comunità italiana residente a Buenos Aires, di cui fanno parte Antonio (Lino Banfi), falegname in pensione, Peppino (Lino Toffolo), ex-lavorante nella sua bottega, il poliziotto Vittorio (Hugo Arana) e Gino (Arturo Goetz), titolare del Bar Italia, punto d’incontro di tutti gli emigrati italiani del luogo.

Nel periodo di Natale a casa di Antonio si presenta suo figlio Guido (Blas Roca Rey), con la moglie Cinzia (Sara D’Amario) e l’adolescente Fabio (Luciano Nobile), che si sono trasferiti in Argentina, non per stargli vicino, ma perché hanno perso tutto.

Read more

Scusate il disturbo: Lino Banfi emigra in Argentina

Dovrebbe essere mandata in onda quest’autunno su Raiuno la miniserie in due puntate di Scusate il disturbo, fiction diretta da Luca Manfredi, per la Grundy Italia.

Antonio (Lino Banfi), figlio di un povero pescatore pugliese è emigrato dall’Italia in Argentina giovanissimo, per garantire un futuro migliore a sé e alla sua famiglia.

Giunto alla soglia dei settantenni con la tranquillità economica di un uomo che ha lavorato una vita intera come falegname a Buenos Aires, Antonio è costretto a rivedere la propria esistenza, a causa dei problemi economici del figlio Guido (Blas Roca-Rey), dell’Alzheimer che colpisce il suo caro amico Peppino (Lino Toffolo) e dell’invadenza di Cinzia (Sara D’Amario), la nuora odiosa.

Read more

CineTV Oggi: programmi televisivi 14 Maggio 2008

Buongiorno e benvenuti alla rubrica CineTV Oggi. Diamo un’occhiata a ciò che potremo vedere in televisione nelle prossime 24 ore.

Rai 1
Oggi Festa Italiana (ore 14.10), condotto da Caterina Balivo parlerà con Rosa Canale del Movimento delle Donne di San Luca, con Nilla Pizzi e Fabio Fulco di matrimonio Low Cost, con Marta Flavi e Blas Roca Rey dei fatti che hanno colpito l’opinione pubblica e, in chiusura con Pamela Camassa e Cecilia Gale. In prima serata andrà in onda il secondo episodio della fiction Medicina Generale (ore 21.10), con Nicole Grimaudo, Andrea Di Stefano e Antonello Fassari, dal titolo Seconda pelle. A concludere la giornata, come sempre Porta a porta (ore 23.15).

Rai 2
Con il nuovo appuntamento con l’azione di Squadra Speciale Cobra 11 (ore 19.00) dal titolo Finto Rapimento si apre la serata di Rai 2, che continua con Scommettiamo che… (ore 21) e le sue scommesse particolari (una ginnasta tenterà di bere un litro di aranciata mentre volteggia sulle sbarre olimpiche, due concorrenti dovranno riconoscere alcune persone dall’impronta di rossetto stampata a bacio su un foglio di carta, la realizzazione di una colonna di pallet alta 20 metri, lanciare una pallina centrando la porta difesa da Gianluca Pagliuca), La storia siamo noi (ore 23.20), che tratta della prima vittima mirata del terrorismo in Italia e finisce con Magazine sul 2 (0.25) con l’intervista di Antonello Aglioti al campione di tennis Nicola Pietrangeli.

Read more