Francesco il Papa venuto da lontano stasera su National Geographic channel

di Redazione Commenta

Papa Bergoglio è diventato la guida spirituale per un miliardo di cattolici sparsi in tutto il mondo. Ed è anche il Capo dello Stato più piccolo sulla faccia della Terra, scrigno d’ inestimabili tesori d’arte. Il documentario FRANCESCO. Il Papa venuto da lontano.  In onda oggi alle 20.55 su National Geographic Channel (canale 403 di Sky)   offre un accesso esclusivo alla vita dentro la Santa Sede e racconta storie indedite sulla vita del sacro ponteficie.

 

Proponendo varie immagini della vita privata del Papa, il documentario  ricostruisce la figura di Francesco attraverso le testimonianze di chi l’ha conosciuto da vicino.  uno degli ospiti sarà  Suor Martha Rabino, che tutt’ora dirige la scuola dove Bergoglio studiò da ragazzo, raccontando che già da piccolo Bergoglio preferiva muoversi semplicemente,  spesso a piedi o in metropolitana ed era sempre in mezzo alla gente. La suora racconta anche che il Papa da giovane le esortava ad andare nelle strade, a dare consigli, a parlare con le persone. Insomma, già da piccolo conosceva il suo mandato.

Un altro ospite sarà padre Javier Klajner, sacerdote dell’arcidiocesi di Buenos Aires, che ha conosciuto Bergoglio durante i quindici anni in cui è stato arcivescovo e lo descrive come una persona modesta, un uomo molto austero, ma nello stesso tempo accessibile. Rimane impresso al prete il particolare nel quale se qualcuno, chiunque fosse, scriveva una lettera al futuro  Papa Francesco,  lui  rispondeva di propria mano. E per quanto riguarda la questione del ruolo avuto da Bergolgio durante la dittatura militare in Argentina, tra gli ospiti ci sarà  Estela De Carlotto, Presidente dell’associazione Donne di Plaza de Mayo, presente per chiedere verità, memoria e giustizia. La presidente come portavoce dell’associazione dichiara:  Noi crediamo moltissimo in lui e speriamo che da dove si trova adesso ci possa aiutare, perché noi continuiamo ad avere bisogno dell’aiuto della Chiesa. Estela siamo con te. Il documentario mostra inoltre alcuni luoghi inaccessibili ai più e documenti difficilmente consultabili, come gli atti originali dell’interrogatorio di Galileo Galilei da parte dell’Inquisizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>