Amiche Mie, su Canale 5 un mix fra Sex and the city e le casalinghe disperate

di Redazione 4

Quando Vivere venne chiuso si parlò di un prodotto realizzato da Mediavivere, che avrebbe sostituito nei cuori degli spettatori i personaggi della soap.

Il prodotto in questione è Amiche Mie, una serie di 12 puntate di cinquanta minuti l’una, che si potrebbe definire un mix tra le Desperate Housewives (idea già ripresa da Mogli a pezzi) e Sex and the city.

La serie, ambientata a Milano, vede protagoniste quattro amiche single, Anna (Margherita Buy), Francesca (Elena Sofia Ricci), Marta (Luisa Ranieri) e Grazia (Cecilia Dazzi), che fanno del loro legame il punto di forza per avere una vita serena ed affrontare le avversità.


A cercare di mettere ordine nelle loro vite (Francesca è una organizzatrice di matrimoni e feste per divorzi, sposata con figlia, che si separa a quarantenni; Grazia è una traduttrice con due figli, sposata con un uomo perfetto, da cui dovrà allontanarsi perché così perfetto non è; Marta è una donna di spettacolo incapace di relazionarsi seriamente nella vita di coppia; Anna è una donna che fugge dalla provincia e dall’accoppiata marito-suocera, per ricominciare a vivere seppur abbia un figlio adolescente), c’è il Dottor G. (Guido Caprino), un affermato sessuologo, che offre alle donne il punto di vista maschile per affrontare i loro problemi.

Ad affiancare il cast delle protagonisti femminili ci sarà un gruppo variegato di uomini: Franco Castellano, Massimo Poggio, Stefano Pesce, Lillo (di Lillo e Greg), Franco Neri, Pino Quartullo, Michele La Ginestra e Daniele Formica.

Rimettersi in gioco a quaranta anni non è facile, ma la serie, diretta da Paolo Genovese e Luca Miniero, presentata un mese fa al RomaFictionFest, vuole provare a dimostrare, al pubblico (in teoria prettamente femminile), che l’impresa non è impossibile.

Certo, leggendo le storie delle quattro protagoniste, si potrebbe giocare a “trova la somiglianza” (io ne ho già individuate alcune), con le serie americane di riferimento, ma è probabile che, visto il buon cast, riuscirà ad andare oltre il facile citazionismo. Secondo voi?

Commenti (4)

  1. spero che la serie vada bene anche se la vedo dura….mi sembra un pò azzardato paragonarla sia a sexandthecity che a desperatehousewives visto che per me sono dei grandi capolavori e non vedo questo programma come tale….poi non vedo il senso di paragonarla a due serie che hanno un ottimo successo sì in america ma non qui in italia…dopo l’orrendo tentativo di mogli a pezzi io ci andrei un pochino + cauto….incrociamo le dita…ciao

  2. Ma per favore, un mix tra due serie come Desperate e Sex…Sveglia, siamo in italia e non negli States!

  3. io personalmente non seguo MAI le fiction, ma questa l’ho seguita e personalmente devo ammettere che è fatta benissimo in TUTTO!!! credo che se si faccia un cd musicale di AMICHE MIE venderà migliaia di copie, forse anche milioni, complimenti!! ho fatto un gruppo su facebook questo è link, http://www.facebook.com/profile.php?id=1512739943&ref=nf#/group.php?gid=51165352587&ref=mf chiunque può parteciparvi
    ps. che ben vengano progetti del genere 😉

  4. io personalmente non seguo MAI le fiction, ma questa l’ho seguita e personalmente devo ammettere che è fatta benissimo in TUTTO!!! credo che se si faccia un cd musicale di AMICHE MIE venderà migliaia di copie, forse anche milioni, complimenti!! ho fatto un gruppo su facebook che si chiama “finalmente una fiction di qualità” questo è link, http://www.facebook.com/profile.php?id=1512739943&ref=nf#/group.php?gid=51165352587&ref=mf chiunque può parteciparvi, dite la vostra, ciaooo
    ps. che ben vengano progetti del genere 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>