Quo Vadis Baby?: la nuova fiction di Sky Cinema

di Redazione 6

Giorgia Cantini (Angela Baraldi), è un detective dall’aria vissuta, la voce profonda e rauca, cela un’esistenza segnata profondamente da sofferenze sentimentali, le stesse che l’hanno convinta a definire l’uomo come un accessorio sessuale, che la spingono ad atteggiamenti ribelli e anticonvenzionali.

Giorgia non sa darsi pace per la perdita della sorella Sara (Federica Bonani), morta in un incidente in Africa dove lavorava come volontaria, in cuor suo si ritiene responsabile per non averla convinta a rinunciare all’avventura dall’epilogo così drammatico. Sarà forse per questo che il fantasma della sorella le compare spesso come in sogno, che assume in taluni casi i contorni di un incubo.

Dopo il successo cinematografico del 2005, Quo Vadis Baby? diventa una fiction in sei puntate, trasmessa da ieri e per i prossimi giovedì alle 21 da Sky Cinema, per la regia di Guido Chiesa (Lavorare con lentezza, 2004) e la direzione artistica del padre naturale Gabriele Salvatores.


La novità sta soprattutto nel fatto che anche Sky si lancia nel variegato mondo della produzione televisiva per il primo di una lunga serie di progetti, in un prossimo futuro riproposti anche sulla tv generalista.

Quo Vadis Baby? è quello che giustamente viene definito un noir, dove la personalità cupa e ombrosa della protagonista funge da naturale catalizzatore nello svolgimento delle storie, contornate sempre da un alone di nostalgia e mistero.

L’unico momento di vero sollievo per il detective Giorgia Cantini sembra essere quello dove tira fuori il talento artistico sul palco del Johnny’s Place, locale di Bologna città che fa da sfondo a tutte le storie, cantando classici del rock come Like a Rolling Stone, il brano con cui si è conclusa la puntata di ieri sera dal titolo Fattore Umano. Ogni episodio termina con una sequenza musicale diretta personalmente da Gabriele Salvatores.

Con la puntata appena trasmessa lo spettatore ha avuto modo di conoscere i protagonisti della serie. Sono Lucio Spasimo (Alessandro Tiberi) l’assistente gay di Giorgia nell’agenzia di investigazioni, bravo ragazzo, un po’ imbranato. L’impressione è che Tiberi non sia riuscito a scrollarsi del tutto di dosso la figura di Alessandro, lo stagista di Boris a cui, involontariamente crediamo, ancora si ispira.

Poi c’è Bebo Storti nel ruolo di Johnny Riva ex pornostar, appassionato di cucina e proprietario del locale dove Giorgia Cantini si esibisce con la sua band, ci sembra riduttivo ricordare Storti solo per il ruolo del conte Uguccione di Mai dire Gol, è uno dei personaggi meglio riusciti di Quo Vadis Baby?, grande attore di teatro oltre che di cinema.

Giorgia Cantini vive una sofferta, manco a dirlo, storia sentimentale con il commissario Luca Bruni (Thomas Trabacchi), già amante della sorella Sara dieci anni prima, a cui Giorgia non riesce a perdonare d’avere una moglie.

La serie prevede la presenza di numerose guest star tra cui Claudia Pandolfi protagonista di Fattore Umano nel ruolo di Marta Del Vecchio, la donna che ha perso il marito e due figli nell’incidente aereo su cui la Cantini indaga e che cercherà di vendicarsi di Angelo Bonfanti (Alberto Gimignani), ritenuto, non a torto, uno dei responsabili. Nei prossimi episodi potremo vedere all’opera Serena Grandi, Toni Bertorelli, Giuseppe Battiston.

Quanto alla protagonista Angela Baraldi, ha una lunga tradizione artistica alle spalle come musicista, elemento che non manca di venire fuori, come già detto, nel corso di ogni puntata, il suo personaggio manca di quella punta di naturalezza che lo renderebbe ancor più credibile, un po’ come la trama dell’episodio trasmesso ieri sera, ma forse è un elemento voluto, non ci rimane che attendere la messa in onda delle prossime 5 puntate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>