The guardian su Joi la terza stagione

di Redazione 4

Da questa sera, da lunedì al venerdì, alle 21.15 su Joi andranno in onda i ventidue episodi della terza stagione di The Guardian, la serie televisiva americana di tre stagioni andata in onda sulla CBS dal 2001 al 2004, con un totale di 67 episodi,  ideata da David Hollander e prodotta dalla CBS Productions associata a Sony Pictures Television.

La serie racconta la storia di un avvocato scapestrato, amante dei vizi che viene arrestato, durante questa sua permanenza si trova a contatto con delle persone che non hanno commesso reato e sono in galera perché non hanno i soldi per pagare un avvocato.

L’avvocato in questione è Nicholas Fallin ( Simon Baker – The Mentalist), una testa calda di Pittsburg, che dopo la disavventura al fresco, s’impegna a pagare servizio alla comunità per tre anni per un totale di 1500 ore di servizio come avvocato no profit per difendere i bambini.

Nick, capita all’interno dell’ufficio amministrato Children’s Legal Services diretto da Alvin Masterson (Alan Rosemberg) un uomo onesto che tenterà in tutti i modi di far diventare il giovane avvocato, un cittadino di cui essere orgoglioso, all’interno dell’ufficio troverà anche la collaboratrice di Alvin, la giovane Louisa Archer (Wendy Moniz) che insieme ad Alvin e all’altro avvocato, James Mooney (Charles Malik Whitfield) cercheranno di cambiare in meglio Nick.

Nick ha la fortuna di avere un angelo custode, suo padre Burton (Dabney Coleman) un signore onesto, che con fatica e impegno è riuscito a diventare un avvocato e aprendo lo studio legale Fallin & Fallin.

Il giovane squalo, così vengono chiamati gli avvocati, si troverà a dover tenere sotto controllo il padre e i clienti, e dedicare parte della sua vita a chi ne ha bisogno, cosa che comincerà a piacergli sempre di più.

La serie ha vinto 3 ASCAP Award, 1 Family Television Award, 1 Young Artist Award e ha ricevuto numerose nomination, tra cui quelle ai Golden Globe, Prism Award, GLAAD Media Award, le due degli EMA Award, quella agli Emmy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>