Dirty Sexy Money, ogni martedi su Fox

di Enzo Mauri 8

Si puo’ essere l’avvocato del diavolo? Se l’essere demoniaco possiede l’aspetto di Donald Sutherland, nelle vesti di uno degli uomini piu’ potenti d’America, la risposta non puo’ che essere affermativa.Preceduta da un battage pubblicitario di un certo spessore, e’ in onda ogni martedì alle 21.50 sul canale satellitare Fox (110 di Sky) :“Dirty Sexy Money” la Dallas del 21mo secolo, con i debiti distinguo. Come la fortunata serie degli anni ’80 anche qui la protagonista è una ricca famiglia: i Darling (all’inizio la serie avrebbe dovuto portare il loro nome), vittima dei tanti vizi e delle scarse virtu’ ,con insita in ognuno di loro quella tendenza all’eccesso, che solo il potere dato dal denaro puo’ instillare.

Come gli Ewing esiste un padre saggio ma non troppo Patrick “Tripp” Darling III (Donald Sutherland) e un figlio arrivista Patrick Darling IV (William Baldwin), spinto dal padre a perseguire la carriera politica, ma con un transessuale come amante, una pecca che l’America perbenista di Ronald Reagan non avrebbero mai perdonato a Jr Ewing, di fatto collezionista d’amanti e sempre pronto a mentire all’indimenticabile Sue Ellen.

La serie è ambientata a New York (non a Dallas), qualora a prima vista si avesse qualche dubbio sul soggetto trattato, c’è una scena nel pilot che riassume tutto quello che dalla serie ci si deve aspettare, tre enormi limousine che si recano ad un funerale,la gente e i fotografi impazziti alla loro vista, per i quali l’imminente cerimonia riveste un puro ruolo accessorio: arrivano i Darling e il mondo si ferma!


Ma veniamo all’avvocato di cui parlavamo nell’incipit ,la cerimonia funebre e’ per il legale di fiducia dei Darling, tal Devlin George, morto in circostanze non ancora chiarite durante un volo sul suo aereo da turismo.La funzione non è ancora terminata che già si pensa al possibile successore del defunto avvocato, suo figlio Nick (Peter Krause star della serie Six Feet Under) che al momento non ha alcuna intenzione di accettare l’incarico, se non fosse che il diavolo ( papa’ Darling) ci mette lo zampino con una principesca offerta in denaro, dieci milioni di dollari e l’opportunità per Nick George di gestire il proprio lavoro come crede, una proposta che nessuno potrebbe rifiutare, ma il giovane avvocato piu’ che abbagliato dalla lucrosa prospettiva ha ben altro in mente: la convinzione che suo padre è stato ucciso e che sia stato proprio uno dei Darling a commettere il delitto.

Il resto lo lasciamo scoprire ai telespettatori che vorranno seguire i 22 episodi della prima stagione.Ma chi sono i Darling? Oltre ai componenti gia’ citati c’è Letitia Darling (Jill Clayburgh) moglie di Patrick Darling III, che Nick scoprirà essere l’amante del padre Devlin, madre di cinque figli: Juliet (Samaire Armstrong) decisa a lanciarsi nel mondo dello spettacolo; Karen (Natalie Zae) segretamente innamorata di Nick George e in procinto di convolare a nozze con il suo quarto marito; Jeremy (Seth Gabel) giovane e dissoluto, amante del bere e delle belle donne; il reverendo Brian(Glenn Fitzgerald) pastore protestante con tutti difetti che un uomo timorato di Dio non dovrebbe avere (caccia senza problemi un suo figlio illegittimo); infine il gia’ citato Patrick IV. Tra gli altri protagonisti la moglie di Nick George, Lisa (Zoe McLellan) e Simon Elder (Blair Underwood) il cui ruolo verrà svelato nei prossimi episodi.

Commenti (8)

  1. Serie tv molto strana, famiglia ultra ricca che non riesce a gestire i propri affari, per loro bisogna mostrare sempre la stessa faccia.
    I valori in questa serie non ci sono, bisogna apparire, i problemi sono solo un’ intralcio per la carriera, e loro non possono permettersi dei problemi quindi delegano Nick per risolverglieli.

  2. …finalmente qualcosa di curioso..speriamo nn sia l’ ennesima delusione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>