Che fine ha fatto My Name Is Earl?

di Redazione 4

Ancora una volta Mediaset è protagonista di episodi di mal vessazione, nei confronti di una serie tv che proprio non lo merita. Stiamo parlando di My name is earl, pluridecorato telefilm in patria (negli Stati Uniti ha vinto due Emmy awards), ma che qui in Italia dove è andata in onda la prima stagione (24 episodi), ha dovuto subire gli effetti della cosiddetta dura legge dei palinsesti, con continui spostamenti di orario in fasce antelucane e cambi del giorno di programmazione.

E cosi mentre negli Stati Uniti dal 3 aprile sulla Nbc, riprenderà la terza stagione, iniziata lo scorso settembre con i primi tredici episodi, poi interrotta per lo sciopero degli sceneggiatori, qui da noi non c’è nemmeno l’ombra delle 23 puntate che compongono la season two. Ci sembra di percepire come una sorta di accanimento da parte dell’azienda di Cologno Monzese, che al momento non prevede nemmeno un’anteprima della serie sui canali del digitale terrestre.

E pensare che ci eravamo illusi, con la presentazione dei programmi Mediaset per il 2008, che la serie potesse andare in onda a gennaio ma ormai possiamo solo sperare che venga inserita nella programmazione estiva.


Per i profani My Name Is Earl, ideata da Grag Garcia, racconta la storia di Earl Hickey (Jason Lee), uomo dall’esistenza sregolata e dedito a mille sotterfurgi per sbarcare il lunario, che un giorno si ritrova in mano il classico colpo di fortuna: un biglietto vincente da 100.000 dollari che perderà dopo essere stato investito da un auto.

Durante la degenza Earl, guardando un programma alla tv, conosce il Karma, principio secondo cui a un’azione compiuta corrisponde un evento restituito di eguale entità, decide quindi di compilare una lista di tutte le sue malefatte e di porvi rimedio contattando di volta in volta la vittima di turno, le situazioni che ne scaturiscono sono tali da rendere ciascun episodio davvero spassoso.

Gli altri protagonisti della serie sono il fratello tonto di Earl, Randy (Ethan Suplee), il compagno della sua ex moglie Joey (Jaime Pressly), tal Darnell Turner detto “gamberone“(Eddie Steeples) e la bella Catalina (Nadine Velazquez), immigrata clendestina addetta alle pulizie nel motel in cui Earl vive.

Mentre la seconda stagione termina con un Earl dietro le sbarre, la terza prevede la presenza di alcune importanti guest star tra cui l’ex “strega” Alyssa Milano, nel ruolo di Billie Cunningham, fidanzata di Frank (Michael Rapaport) compagno di cella di Earl, che forse si innamorerà di lei. Nell’episodio in onda il prossimo 3 aprile dal titolo “I won’t die with a little help from my friend“, sarà Paris Hilton a fare la sua apparizione onirica, in quanto protagonista di un sogno di Earl.

A questo punto non ci rimane che aspettare i comodi di Mediaset, che possedendo l’esclusiva della serie è l’unica a potersi permettere di trasmetterla, ma piuttosto che tenerla li a prendere polvere perché non venderla a Sky? Attendiamo buone nuove…

Commenti (4)

  1. Adoro questo telefilm, lui è fantastico, un personaggio carismatico e spero di poter vedere al più presto la seconda serie! Grande Earl!!!!!

  2. fans di Earl di tutt^italia uniamoci chi come me vorrebbe vedere la seconda e poi la terza serie si faccia venire qualche idea per convincere mediaset a trasmetterla.
    Io avrei pensato di mandare una email a mediaset esprimendo il mio disappunto.
    Che ne pensate?
    fate come me, tante trasmissioni sono state interrotte e grazie alla richiesta di centinaia di persone sono state rimesse in onda.
    Scrivete numerosi

  3. Di qui è da bestemmia come addannati!!!
    Per fortuna che posso scaricarla con i sottotitoli da emule…
    sta per finire pure la 4^ stagione…. -_-

  4. @ Luca:io non sono nè sarò mai nessuno ma questo fatto della cancellazione di earl o dei griffin o altre figate mi fa veramente girare i beeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeep ! sono con te in questa crociata mediatica. LoGo86

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>