Tutti per Bruno, riassunto quarta puntata

di Giulia Tarroni Commenta

Nel settimo episodio della serie tv Tutti per Bruno, intitolato Situazione critica, Bruno (Claudio Amendola), Luca (Gabriele Mainetti) e Giuliano (Antonio Catania) si trovano bloccati in mezzo al traffico a causa di una manifestazione di ciclisti contro l’inquinamento: Giuliano buttando l’accendino colpisce un taxi che va a fuoco ma nessuno pare si sia accorto di nulla. Bruno è deciso a non dare rilevanza all’evento per evitare conseguenze dannose. Silvia Raimondi (Chiara Ricci) si prepara per il suo matrimonio con il fidanzato Marco (Filippo Valle), mentre Bruno ed i suoi indagano su un molestatore di prostitute.

Per cercare di eliminare ogni traccia di quanto accaduto, Bruno e Giuliano si travestono da ciclisti e offrono sostegno ai manifestanti per visionare i filmati fatti il giorno dell’incendio: Giuliano confessa a Bruno di essersi distratto perché attratto da una ragazza che assomigliava a Ines, sua ex fidanzata. La madre di Sara (Nadir Caselli) scopre la cotta della figlia per Luca e cerca di ostacolarla, nonostante nonna Enza (Valeria Fabrizi) invece consigli di lasciare che Sara si gestisca da sola.

L’agente Rita (Elisa di Eusanio) è stata scelta per fare l’adescatrice del maniaco ma poiché nessuno pare accorgersi di lei la ragazza si deprime: tra Katia (Tosca D’Aquino) e Giuliano sembra che ci sia un avvicinamento. Bruno e Giuliano combinano un altro guaio, nella sede dei manifestanti inciampando mandano a fuoco una stanza: tutti sospettano un corto circuito ma ancora una volta occorrerà far sparire le tracce del misfatto. I preparativi per il matrimonio tra Silvia e Marco procedono ma la donna sembra avere qualche dubbiosull’unione.

Bruno e gli altri per depistare le indagini decidono di fare un video messaggio spacciandosi come gruppo ecologisca e naturista Ginepro contro gli automobilisti, ma il commissario Pirone (Stefano Santaspago) non crede assolutamente a questa versione: intanto Rita, Gian Maria e Serpico arrestano il molestatore, cogliendolo sul fatto. In commissariato invece Pirone scopre la vera autrice degli attentati grazie ad un video portato da Giuliano. Silvia confessa a Luca di non volersi sposare e lo bacia, Luca per stare con lei rinuncia a vedere Sara che resta molto delusa.

Nell’ottavao episodio intitolato Una mela al giorno, Sara è triste a causa della relazione ricominciata tra Luca e Silvia, mentre Bruno, Giuliano e Luca dopo aver salvato un uomo dal suicidio hanno il compito di sventare una banda di strozzini: al ristorante arriva l’ex marito di Katia uscito di galera, deciso a tornare insieme alla donna, ma questa chiede a Giuliano di fingersi suo fidanzato. Per incastrare lo strozzino Bruno si finge cliente della banca di frutta de Er Cipolla ma tra i due non c’è comunicazione a causa delle brutte indicazioni fornite. Poco dopo anche Rosy (Lorenza Indovina) si reca allo stesso banco chiedendo delle mele e i tre iniziano a pensare che la moglie di Bruno sia implicata nella faccenda.

Luca vorrebbe parlare con Sara ma la ragazza è furiosa e non gli da modo di chiarire, mentre i tre agenti decidono di seguire Rosy al mercato per beccare lo strozzino sul fatto: portata in commissariato Rosy rivela che si recava da Er Cipolla per comprare le mele necessarie per fare torte da vendere per poter fare un viaggio a Parigi. Al mercato Bruno incastra per la seconda volta la persona sbagliata, Er Cipolla non centra nulla in realtà, è un vecchietto lo strozzino: grazie al mancato suicida di qualche giorno prima però il mistero viene risolto ed il vecchietto assicurato alla giustizia.

Luca parla con Sara, inutilmente: Katia e Giuliano rimasti soli si baciano, tutto sembra essere andato per il meglio anche questa volta. La quinta puntata della serie Tutti per Bruno andrà in onda venerdì prossimo sempre su Canale 5 in prima serata ore 21.10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>