Quali serie televisive guardano in Asia?

di Diego Odello 2

Vi siete mai chiesti quali serie televisive si guardano in Asia? Io me lo sono chiesto ieri e ho pensato bene di rendere pubbliche le mie scoperte, casomai un giorno decidiate di ampliare le vostre conoscenze e aprire le porte a storie più esotiche.

Mentre gli italiani, amanti del genere, aspettano con ansia le nuove stagioni di Dr House o Lost, mentre le ragazzine del nostro Belpaese strillano quando vedono i protagonisti di O.C. o One Three Hill, dall’altra parte del mondo, a migliaia di chilometri da noi, la popolazione asiatica si comporta alla stessa maniera con le proprie serie.

Le tematiche trattate sono molto simili alle nostre: storie d’amore o investigative, giudiziarie o mediche, eccezion fatta per i telefilm che vedono protagoniste indiscusse le arti marziali, vero e proprio marchio di fabbrica d’Oriente. Vi riporto qui di seguito, come esempi, tre tipologie di serie televisive che stanno avendo grande successo in Cina, Giappone e Korea, che si possono trovare sottotitolate in Inglese:


CINA:Huo Yuan Jia
Huo Yuanjiia (Ekin Cheng) è un leggendario maestro cinese di arti marziali, è stato uno dei più importanti combattenti del ventesimo secolo. Figlio di un grande combattente, decide di imparare da solo a combattere e a vincere, lottando contro le ingiustizie e per le giuste cause diventando un eroe per la popolazione cinese. Nella sua missione non è solo: Chen Zheng (Jordan Chan), una specie di Bruce Lee. La serie televisiva, in 10 DVD , riprende e amplia la stessa storia raccontata in Fearless film del 2006 di Jet Li. Il regista è Stanley Kwan.

GIAPPONE:Detective Galileo
Una giovane detectivi Utsumi Kaoru (Shibasaki Kou), deve risolvere dei casi inspiegabili, dalla morte per combustione spontanea di una persona a le esperienze extracorporee, dal fenomeno del poltergeist a le morti istantanee. Da sola però non riesce a cavare un ragno da un buco. Per questo motivo si rivolge ad un fisico, il professore universitario Yukawa Manabu (Fukuyama Masaharu), che cercherà di aiutarla ricreando attraverso esperimenti le misteriose situazioni (da qui il nome del titolo).

KOREA:Snow in August
Jo Dong Hyuk interpreta la parte di un ragazzo di 27 anni single con un figlio di sei anni. Lui incontra Choo Sang Mi, una trentatreenne divorziata. Suo marito la tradisce, inoltre è totalmente depressa per la perdita di suo figlio in un incidente stradale tre anni prima. Snow in August racconta la loro storia, da quando si incontrano a quando sognano una vita insieme, con tanto di bebè, che curi le loro ferite.

Concludendo: tutto il mondo è paese: gli attori asiatici saranno pure diversi dai nostri o da quelli americani, eppure le storie, gira che ti rigira sono sempre quelle, quelle capaci di far sognare e tenere incollato lo spettatore alla sedia, quelle che intrigano e quelle che fanno piangere. I gusti loro sono molto simili ai nostri.

Perché allora il Giappone crea una serie affascinante e misteriosa come Detective Galileo e noi di contro produciamo ancora Carabinieri? Che tristezza! E fortuna che siamo conosciuti come il popolo più creativo al mondo. Detective Galileo ti prego, aiutaci tu! Magari ti ospitano i Cesaroni.

Commenti (2)

  1. Dicono ancora che c’è differenza tra est e ovest…io non la vedo!Possiamo dire che le ambientazioni siano diverse ma come dice Diego, Tutto il mondo è paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>