Zelig su Canale 5 la settima edizione

di Redazione 11

Questa sera su Canale 5 alle 21.10, dal Teatro degli Arcimboldi di Milano va in onda la settima edizione di Zelig, il programma comico di Gino & Michele e Giancarlo Bozzo, condotto nuovamente da Claudio Bisio e Vanessa Incontrada.

Nella nuova edizione non solo si taglierà il traguardo dei cento comici che calcano l’importante palcoscenico, grazie all’ultimo arrivato, il trentenne ligure Maurizio Lastrico che recita storie di vita quotidiana come fossero parte della Divina Commedia, ma si presenteranno al grande pubblico di canale 5 alcuni attori che hanno contribuito a scrivere la storia della comicità italiana come Paolo Villaggio, Gaspare & Zuzzurro e Gene Gnocchi.

La schiera di comici riconfermati è formata da Enrico Bertolino, Enrico Brignano, Checco Zalone, Paolo Cevoli, Gioele Dix, Giuseppe Giacobazzi, Leonardo Manera, Raul Cremona, Mago Forest, Gabriele Cirilli, Teresa Mannino, Geppi Cucciari e Katia & Valeria. A completare il cast artistico bisogna ricordare, in qualità di guest star, Ale e Franz e Ficarra e Picone, e nove esordienti tra cui il Duo Idea, i Minimo e Debora Villa.

Tra uno sketch e l’altro, otto professioniste del corpo di ballo e la Zelig Orchestra (dieci elementi più tre coriste) diretta da Paolo Jannacci, figlio di Enzo, supporteranno i due conduttori che si esibiranno dal vivo e ricreeranno musiche e coreografie entrate nel mito … a modo loro.

Gino ha spiegato (fonte Il giornale):

Sappiamo di essere entrati nel costume degli spettatori. Ci rinnoviamo di continuo, ma come marchio di garanzia e di qualità manteniamo fissi alla conduzione Claudio Bisio e Vanessa Incontrada. Sono la nostra storia in prima serata. Per poter completare il giro di tutti i comici ci mancherebbero tre artisti che adoriamo e cioè Corrado Guzzanti, Luciana Littizzetto e Antonio Albanese. Ma il primo, che fa della satira politica schierata la sua forza, si fa problemi a venire in Mediaset: teme che il suo pubblico non gradisca. La seconda se ne sta beata accanto a Fazio. Albanese ci ha fatto importanti promesse per l’anno prossimo. Restano poi due sogni impossibili: Benigni e Grillo.

Michele ha chiosato:

Vogliamo essere gli eredi del varietà anni ’60 stile Studio 1 dove artisti, ballerini e conduttori sapevano fare il loro lavoro. Per capirci, qui non ci saranno Zelighine.

Se cercate comicità di prima qualità, non perdetevi su Canale 5 ogni martedì alle 21.10, Zelig!

Commenti (11)

  1. Zelig, macchina ormai consolidata, continua a macinare successo senza far attecchire la ruggine degli anni. Gli artisti si muovono agili sulle nuove, essenziali e eleganti scenografie, senza mai (s)cadere nel facile umorismo volgare regalando 2 ore di spettacolo che non risente,quasi, di alcun sottotono . Splendida la coppia di presentatori; bravi gli orchestrali ed il corpo di ballo. Un bravo in più al grande “mago” Forrest che riesce a dare il meglio di se stesso in questa veste cabarettistica più che nella veste di conduttore TV, cosa che ha già dimostrato quest’estate con una lunga ed apprezzatissima “performance” al Premio “Charlot” di Paestum. Leggermente sottotono e con poca “verve” la neo-mamma Mannino forse annoiata dalle notti insonni; per il resto la famiglia Zelig dimostra di essere di gran lunga oltre la “quasi-sufficienza” e la deficienza di altri programmi simil-Zelig che di Umorismo vero hanno ben poco.

  2. Cari Vanessa e Claudio! Sono molto contenta che posso comunicare le miei complimenti ,siete molto carini ,e questo modo vi saluto ,speriamo che ci’ vediamo presto ,un abbracio da Aranka

  3. volevo sapere qualcosa di più come poter partecipare ad un provino di zelig?
    o se mi sapete dare un indirizzo imail per contattare dei produttori di zelig.

  4. Scusate ,mi chiamo Cosima e vorei fare un Regalo a mio marito.
    Noi abitiamo in Germania e vorreemo vedere ZELIG live.
    Dove posso comprare i biglietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>