Mezzogiorno in famiglia: su Raidue tornano Amadeus, Laura Barriales e Sergio Friscia

di Redazione 46

Torna su Raidue, con nuovi giochi e tante sorprese, Mezzogiorno in famiglia, la trasmissione del fine settimana della seconda rete Rai, condotta da Amadeus, Laura Barriales e Sergio Friscia.

Quest’anno, alla rinnovata presenza dell’astrologo Paolo Fox, che ogni domenica propone la classifica dei segni zodiacali, si aggiunge quella dell’orchestra dal vivo diretta dal Maestro Gianni Mazza.

Confermato il torneo tra i comuni d’Italia (fino a 20mila abitanti) che consente al vincitore assoluto di ottenere uno scuolabus da destinare agli alunni delle proprie scuole: le delegazioni in studio si misureranno in una serie di prove pratiche e di abilità, utili per conquistare i punti necessari per far vincere la propria squadra. Tra una un gioco e l’altro i rappresentanti dei comuni mostreranno in diretta i monumenti caratteristici dei propri luoghi, racconteranno le loro tradizioni, la loro storia e la loro cultura. In collegamento dalle piazze dei due paesi ci saranno le inviate Roberta Gangeri e Silvia e Laura Squizzato.

Nella puntata odierna si sfideranno le delegazioni di Taormina (Messina) e Santa Margherita Ligure (Genova). Per televotare bisogna chiamare il numero 894222 da telefono fisso o inviare un sms al numero 4784785 dal cellulare.

Amadeus a DiPiù Tv dichiara:

Come capita per le squadre di calcio anche noi avremo il nostro nuovo innesto, il maestro Mazza con la sua orchestra. Non vedo l’ora di ricominciare questa nuova stagione sperando nel gradimento del nostro pubblico. Questo progetto mi entusiasma, anche se il mio sogno è quello di presentare un giorno il Festival di Sanremo.

Se cercate qualcosa che vi tenga compagnia con giochi allegri (come la sfida musicale finale con le mani giganti) e con piacevoli ritratti delle realtà locali italiane, non perdetevi sabato e domenica alle 11.15 su Raidue Mezzogiorno in famiglia (un programma di Michele Guardì, e di Annamaria Flora, Massimo Giacomazzi, Tonino Quinti, per la regia di Michele Guardì).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>