Scappati con la cassa, stasera Italia 1 ripropone lo spin-off de Le Iene

di Redazione 2

Questa sera alle 23.30 su Italia 1 tornano Le Iene in una versione vacanziera intitolata Scappati con la cassa: in tre puntate Giulio Golia, Matteo Viviani e Luigi Pelazza, introdotte dalla padrona di casa Sabrina Nobile ci racconteranno alcune storie legate al mondo della truffa.

In ogni puntata le iene andranno a cercare quelle persone che truffano amici, parenti o clienti per poi scappare all’estero con il malloppo e scopriranno che fine hanno fatto i soldi rubati parlando direttamente con i fuggitivi a cui porteranno un videomessaggio di saluto da parte dei truffati. Non finisce qui: il fuggiasco potrà tornare in Italia e, recandosi nello studio della trasmissione televisva, affrontare le vittime del raggiro, il tutto moderato dalla conduttrice, per spiegare il proprio comportamento e, volendo chiedere scusa e risarcire i malcapitati.

Nella prima puntata Giulio Golia parte alla ricerca di Vincenzo Canese, un fiscalista lericino, condannato a sette anni di reclusione per appropriazione indebita di oltre due miliardi di lire, fuggito grazie al doppio passaporto italiano e svizzero. In studio alcune delle famiglia truffate, che hanno perso tutti i loro risparmi e sono diventate automaticamente evasori fiscali, aspettano risparmi.

Nella seconda puntata Matteo Viviani si metterà sulle tracce di Gianluca Merchiori ex segretario provinciale di Rifondazione Comunista a Ferrara, che è scappato ai Caraibi con oltre due milioni di euro, dopo aver promesso interessi da capogiro, lasciando famiglie con l’ipoteca sulla casa.

Nella terza puntata Luigi Pelazza andrà a Bogotà per trovare Alberto Soliani, che è fuggito con un milione di euro, soldi che ha ottenuto chiedendo prestiti ad amici e parenti assicurando che li avrebbe restituiti.

Se vi mancano Le iene e vi piace la televisione di servizio non perdetevi lo il primo dei tre appuntamenti con lo spin-off denominato Scappati con la cassa, da questa sera alle 23.30 su Italia1 (già trasmessa nel dicembre 2007).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>