Scemo di Guerra Oggi, Ascanio Celestini su LaEffe

di Redazione Commenta

Mercoledì 25 Febbraio alle 21.00 LaEffe (DTT 50, Sky 139) propone un evento speciale in prima serata con Ascanio Celestini dal titolo Scemo di Guerra Oggi: l’attore e autore propone una riflessione inedita per le telecamere della Tv di Feltrinelli per riproporre lo spettacolo teatrale Scemo di Guerra, adattato per la tv e attualizzato ai giorni nostri.


Scemo di Guerra è lo spettacolo teatrale di Ascanio Celestini presentato alla Biennale di Venezia nel 2004 e vincitore del Premio Ubu nel 2005 come Nuovo Testo Italiano che punta i riflettori sulla contemporaneità: chi è oggi lo scemo di guerra? Quali sono i conflitti della nostra società? La storia si snoda intorno al 4 Giugno 1944, il giorno della Liberazione di Roma vista attraverso i ricordi del padre di Celestini, sullo scenario romano del bombardamento di San Lorenzo o il rastrellamento del Quadraro, con più di mille persone deportate. Quando la storia di un padre è quella di un’intera generazione il suo racconto diventa eredità e patrimonio di tutti.

Ascanio Celestini introduce così il suo racconto:

La guerra ci riguarda direttamente perché le persone che la vivono e che l’hanno vissuta stanno in mezzo a noi, sono già noi. Oggi c’è una guerra che non viviamo, che leggiamo sui giornali, che ci arriva dentro casa attraverso la rete e la televisione. Quella è una guerra in un certo senso inesistente, che non ci riguarda più direttamente. Vediamo i morti, ma sono morti inesistenti perché finiscono nel frullatore della comunicazione, tra una pubblicità, un cartone animato e un film (…) Probabilmente oggi lo scemo di guerra, quello che non ha più appigli con la realtà, è uno straniero, che pone dei limiti al suo racconto, che non sa o non può più raccontare, perché non distingue più i mostri che ha incontrato dai mostri che ha dentro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>