Tv Mondiali 2010 Undicesima Giornata: delusione post-Italia, Varriale vs. Costanzo e Cirilli divertentissimo

di Redazione 2

L’undicesima giornata dei campionati mondiali di calcio è stata impiegata a smaltire nel modo più veloce e indolore possibile, la delusione dovuta allo striminzito pareggio della nostra Nazionale contro la Nuova Zelanda, che ha compromesso non poco il passaggio dell’Italia agli ottavi di finale. Prima di analizzare le noti dolenti, una nuova buona: da qualche giorno su Sky è riapparso miracolosamente Luca Marchegiani. Nostro volere è tranquilizzare la sua famiglia: mangia correttamente, dorme otto ore a notte e il suo sguardo è molto più rilassato, ieri ha esposto il suo intervento in modo attivo e volenteroso. Siamo contenti per lui.

Il risultato bruttino della Nazionale di Lippi ha mietuto più vittime di quanto potessimo immaginare. A partire dai tremendi look sfoggiati dai nostri presentatori durante le ore di diretta che volevano essere beneauguranti ma hanno, di fatto, ucciso la moda. Durante Mondiale Rai Sprint, Marco Mazzocchi sembrava una Giovane Marmotta: montatura degli occhiali tricolore, braccialetto tricolore, volevamo indagare anche sui suoi boxer, ma ci siamo fermati più che volentieri. Giampiero Galeazzi, invece, indossava un cappellino di tre misure più piccolo, facendo assumere al suo testone, le sembianze di un ananas.

L’atmosfera è leggermente pesante: Galeazzi esordisce, facendo innervosire Fabio Cannavaro, con una domanda che alludeva alle troppe lacune difensive, un messaggio neanche troppo nascosto alle possibili colpe proprio del nostro Nazionale più rappresentativo. Capitan Cannavaro non la prende bene, dando per un attimo l’idea di voler abbandonare l’intervista ma resiste imperterrito fino alla fine, anche perchè il cappellino di Galeazzi è troppo bello da vedere.

Anche in studio, l’atmosfera è intrisa di cattivo umore: Marino Bartoletti, impaziente di generare una nuova perla di saggezza, parlando dello schema tattico di Lippi che impone ai suoi giocatori di giocare palla a terra, si lascia andare al più banale dei doppi sensi:

Le palle sono rimaste a terra.

Linda Santaguida, letteralmente muta per 5 ore di diretta, ha rischiato di non ricordarsi più l’utilizzo corretto della parola e infatti, appena inizia a manifestare il suo stato d’animo, se ne esce così:

E’ stata una sbatacchiata!

Durante le Notti Mondiali, Enrico Varriale non vede tutto nero, invita all’ottimismo e auspica un maggiore equilibrio nei giudizi. Maurizio Costanzo non ci tiene affatto a voler guardare il bicchiere mezzo pieno e sfotte il collega in tal modo:

Quanto sono contento! Chissà come giocheremo con la Slovacchia! Ma sì, dai che così facciamo contenti Varriale!

Paola Ferrari, che all’inizio del collegamento, ha litigato con la sua acconciatura dove le si era abbarbicata una farfalla enorme, ha uno sguardo decisamente perplesso e non certo per colpa della farfalla. Sì, a questo punto, servirebbero proprio i mariachi di 3 giorni fa per alleggerire l’atmosfera (video).

Enrico Varriale ha ragione, dobbiamo essere ottimisti e se non ci sono i mariachi, un paio di risate, all’occorrenza, aiutano sempre. Ci pensa il comico Gabriele Cirilli, ospite delle Notti Mondiali, che ci fa scompisciare dal ridere con una manciata di freddure. Mai termine fu così consono perchè trattasi di freddure che portano il gelo in studio, più di quanto stiano facendo le attuali condizioni meteorologiche:

I neozelandesi vanno così forte in cyclette che hanno i moscerini in fronte. De Rossi fa palestra 9 giorni a settimana, ma la settimana è fatta da 7 giorni, non è che lo stanno fregando sull’abbonamento? De Rossi ti prende a testate così forte che il dentista, a Natale, ti regala i cestini. De Rossi è così forte che ti prende come un alice e ti porta come un giacchetto a primavera!

Battute così esiliranti che provocano sempre una fragorosa risata. Quella di Cirilli. Serve che il livello comico si innalzi al più presto e Vincenzo D’Amico si sente chiamato in causa. Fu così che, alla richiesta della Santaguida di impiegare il giocatore del Napoli Christian Maggio, D’Amico le risponde in tal modo:

Maggio? Eh, ma siamo a Giugno!

Non solo D’Amico ma anche Jacopo Volpi è capace di sfornare dell’ottimo cabaret, rispondendo a chi gli domandava di descrivere il rapporto complicato tra Lippi e il giocatore della Juventus Simone Pepe:

Cos’è successo tra Lippi e Pepe? Non c’è il sale!

Capiamo la necessità di rendere l’atmosfera un pochino allegra, ma si è sparsa la voce che molti telespettatori, per metabolizzare questo immenso repertorio comico, siano dovuti entrare in analisi.
Pensare che Marco Mazzocchi ha chiesto scusa appena 274.489 volte per il guasto del ripetitore che non ha permesso a una parte di telespettatori piemontesi di gustarsi il secondo tempo di Italia-Nuova Zelanda. Per il livello di comicità espressa nelle scorse ore, pretendiamo almeno il doppio delle scuse, il rimborso del canone e un invito a cena della Santaguida.

La giornata calcistica è iniziata con Portogallo-Corea del Nord, terminata col risultato di 7-0. I nordcoreani resistono un tempo, subendo un solo gol dai lusitani ma crollano nel secondo tempo, prendendo un gol praticamente a ogni tiro in porta. Marino Bartoletti commenterà la vittoria del Portogallo come:

Una mancanza di buon gusto.

Classici sintomi da assuefazione da pareggio.

La seconda partita è stata Cile-Svizzera, terminata col risultato di 1-0. I cileni controllano il match e, quatti quatti, si portano tra le poche squadre a punteggio pieno.

Ultimo match in programma è Spagna-Houduras, terminata col risultato di 2-0. La Spagna resuscita, dopo il pessimo esordio con la Svizzera, e gestisce senza problema il match con gli honduregni, mai veramente pericolosi. Finisce così il secondo turno dei gironi, da domani inizierà la terza tornata di partite che delineerà  il tabellone definitivo degli ottavi di finale.

Commenti (2)

  1. sicuramente conviene sky che per 49 euro offre tutte le partite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>