Calcio: gli Stati possono vietare l’esclusiva pay di un evento. Lo dice la Comunità Europea

di Redazione Commenta

Foto: AP/LaPresse

La sentenza del Tribunale della UE ha stabilito che uno stato può vietare la trasmissioni in esclusiva su pay tv dei mondiali o degli europei di calcio, in quanto, per questi eventi di particolare rilevanza pubblica deve prevalere il diritto all’informazione e la possibilità per tutti i telespettatori di accedere liberamente alle partite. L’Unione Europea ha respinto il ricorso di Fifa e Uefa contro la Commissione Ue, che diede ragione a Belgio e Gb sul divieto di trasmettere le partite a pagamento.

La sentenza è valida non solo per gli incontri definiti prime (la partita inaugurale, le semifinali, le finali e le partite della nazionale del proprio Paese), ma per tutti gli incontri, perché tutti rappresentano eventi unici che suscitano l’interesse di gran parte del pubblico, anche di coloro che solitamente non è interessata al calcio.

Questa decisione danneggia le pay tv europee che non avranno più il monopolio di tutti gli incontri e i due organi calcistici per eccellenza Fifa e Uefa, che si vedranno drasticamente ridurre gli introiti derivati dalla cessione dei diritti televisivi.

In Italia i diritti dei mondiali 2014 in Brasile li ha Sky: la società di Murdoch ha già un accordo con la Rai per vendere le partite cosiddette PRIME, ma a questo punto la tv di stato potrebbe acquisirli con più facilità, spendendo meno, scegliendo anche tra altre partite che non erano incluse nel pacchetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>