Mattino Cinque, Paolo Del Debbio sostituisce Claudio Brachino

di Diego Odello 5

Paolo Del Debbio dal 22 febbraio sostituirà Claudio Brachino alla conduzione di Mattino Cinque: il direttore di Videonews lascia il programma per poter sviluppare i nuovi progetti della testata, come Quarto grado e seguire con attenzione le trasmissioni già esistenti quali Mattino cinque, Pomeriggio Cinque, Verissimo, Matrix, Domenica Cinque e Vite straordinarie (che a breve partirà con una nuova edizione).

Brachino, che apparirà ancora in video in qualità di opinionista per commentare i momenti più significativi della settimana, a Il giornale motiva la sua scelta:

Perché la nostra fabbrica di programmi si sta allargando sempre di più e gli impegni sono sempre più gravosi. E poi perché consideriamo quella di Mattino Cinque una missione compiuta. Siamo partitti due anni fa mettendo in piedi un programma di approfondimento dove prima non c’era nulla di questo tipo e affrontando un grande concorrente come Uno mattina. Penso che grazie al mio apporto e a quello di Barbara D’Urso prima e di Federica Panicucci poi, si sia riusciti a realizzare un buon prodotto. Ora passo volentieri la palla a Del Debbio che ha lavorato con noi per molto tempo.

Del Debbio, infatti, è conosciuto dal pubblico di Canale 5 per la sua rubrica mattutina Controcanto e per il programma quotidiano Secondo Voi.

Commenti (5)

  1. Trovo mattino cinque una trasmissione molto intelligente che tratta problemi seri e di interesse collettivo. Gradirei però che approfondisse le modalità per lavorare all’estero dato che, i nostri ragazzi, guadagnano molto poco, debbono utilizzare mezzi propri per raggiungere il posto di lavoro, sono sfruttati in maniera indegna dai datori di lavoro e molti debbono pagare un mutuo. Questo Paese, secondo il mio punto di vista,è diretto solo da persone non adatte (non uso termini propri) alla sua conduzione. Ad esempio: se io fossi un medico sicuramente ucciderei tutti. Non ho la benchè minima conoscenza della materia: lo stesso vale per i nostri politici non sanno quello che fanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>