Borders, da stasera su Italia 1

di Redazione 1

Da stasera alle 23.10, su Italia 1 va in onda il programma d’approfondimento di Studio Aperto: da oggi e per i prossimi tre sabati, va in onda Borders.

In questa trasmissione, Giorgio Mulè e la redazione del suo telegiornale hanno preso i reportage dell’emittente inglese Channel 4 su le vite ai margini, le hanno assemblate con i servizi di Studio Aperto e le hanno fatte commentare da specialisti del settore, presentati in studio dalla giornalista Stefania Cavallaro.

I quattro temi che tratterà, ovvero l’obesità, l’autismo, la mente di un serial killer, la scelta dei giovani di filmare situazioni da mettere in rete, saranno trattati con attenzione, senza spettacolarizzazione, come dichiara lo stesso Mulè:

Non è la spettacolarizzazione di sentimenti o sofferenze umane al limite, ma l’analisi e l’approfondimento di storie apparentemente lontane da noi, ma in realtà molto più vicine di quanto si possa immaginare.

Se sentite vicine a voi le tematiche scelte, se siete curiosi di scoprire delle realtà che non sono poi così lontane dalle vostre, l’appuntamento con Borders, curato da Roberta Mani, diretto da Mario Bruschini e prodotto da Lorenzo Farneti, è ogni sabato in seconda serata sulla rete giovane di Mediaset.

Commenti (1)

  1. Ho seguito la trasmissione di borders di ieri 10 gennaio, la seconda parte è stata a dir poco sconvolgente, testimonianza di una situazione giudiziaria inaccettabile e non degna di una democrazia; spero vivamente che qualche giudice, o il ministro Alfano, fra l’altro chiamato in causa dal fratello del suicida in carcere, si attivino per far luce su un caso enorme di vera ingiustizia, dove tutti (carabinieri, giudici, pubblici ministeri…) si sono dati e continuano a darsi un gran daffare per coprire la verità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>