Forum diventa un ritrovo di psicopatici. Barbara Palombelli si diverte come una pazza

di Marcello Filograsso Commenta

Finalmente ho avuto modo di vedere il nuovissimo Forum condotto da Barbara Palombelli. La causa nella quale mi sono imbattuto riguardava Nicola e Luigi. Quest’ultimo ha deciso di allevare galline nel cortile condominiale.

Il signor Luigi – chiamato ininterrottamente Luiggi dalla moglie di Francesco Rutelliil più anziano, non è di certo passato inosservato per i toni accesissimi con i quali ha discusso: al contadino spesso e volentieri venivano rubate le galline in campagna e per questa ragione ha deciso di crescerle nel cortile condominiale, con il beneplacito degli altri condomini. Il signor Nicola però non è d’accordo. Le galline puzzano e alle quattro del mattino il gallo naturalmente canta.

Fino a questo momento non si sono avvertiti grandissimi cambiamenti rispetto alla gestione imperiale di Rita Dalla Chiesa. L’assenza di Marco Senise e di Fabrizio Bracconeri non si percepisce nemmeno, nessuna sigla di apertura con la conduttrice che finge di sapere le parole della canzone; al massimo si rimpiangono i gioielli della ex conduttrice, sui quali era nata addirittura una pagina Facebook.

Al rientro dalla pubblicità, Barbara Palombelli è uscita dallo studio con il signor Luigi e ha mostrato le controverse galline, rigorosamente in gabbia. Le galline si chiamano Luigi, Michelangelo, Federico e Sofia, “come la mia nipotina“, dice l’agricoltore. La Palombelli aggiunge: “Speriamo che Sophia Loren non si offenda”. E qualche minuto dopo pronuncia una battuta di humour nero, inconsueta su Canale 5: “Di solito nei condomini succedono i morti, le coltellate, qua state bene”. La Dalla Chiesa non lo avrebbe mai fatto. Stima.

Al ritorno in studio un opinionista sostiene che suo padre parli con una vitella di nome Simona. Siamo al delirio. Questo programma è diventato un ritrovo di psicopatici, compreso l’anziano opinionista dalla voce roca che grida come un pazzo: “Tu porti le galline alla vedova del quarto piano perché vuoi farle il filo. Le donne vogliono altro!”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>