Buona la prima: ricomincia il programma improvvisato di Ale e Franz

di Diego Odello 5

E’ cominciata ieri sera la seconda stagione di Buona la prima, lo spettacolo tratto dal format tedesco Shiller Strasse, che mette in primo piano la capacità di improvvisazione degli attori, nel nostro caso Ale & Franz.

Come funziona la trasmissione: i due protagonisti, coadiuvati da altri attori, improvvisano una storia, conoscendo soltanto l’inizio e ascoltando le direttive date in auricolare da un suggeritore (che parla singolarmente ad ogni attore, cosicché gli altri non sentano), un personaggio famoso differente per ogni storia (ad esempio ieri sera Cecchi Paone nella prima e Pino Insegno nella seconda) per portarla a termine.

L’ambientazione è semplice: in un teatro, di fronte a quattrocento spettatori, è stato allestito un appartamento (più precisamente, la porta d’ingresso dà in un soggiorno con annessa cucina) arredato, dove si sviluppano tutte le scene e nel quale si avvicendano, nell’arco della puntata, i vicini di casa e misteriosi ospiti (ieri Michelle Hunziker e Alessandro Preziosi).


Dopo il successo di pubblico dell’anno scorso, con una media di share del 12,5% (ben al di sopra delle richieste della rete), il cast di Buona la prima ci riprova, apportando due modifiche sostanziali, che mantengono inalterato il meccanismo del programma: la prima riguarda proprio il cast, una nuova stanza, collegata all’appartamento, la stanza del mistero.

Il cast quest’anno sembra essere stato rinnovato, con l’ingresso di Giorgia Palmas, che fa l’amica del duo, probabilmente al posto di Lucilla (Lucilla Agosti) che nei primi due episodi non si è vista. Riconfermato, almeno per le prime puntate l’altro amico, Sandro (Alessandro Betti).

La stanza del mistero, una stanza attigua all’appartamento, nascosta per tutta la puntata, anche al pubblico a teatro, da una saracinesca, è un set che viene modificato e adattato di episodio in episodio e che nemmeno gli attori conoscono: questa settimana è stata utilizzata prima come studio della attuatrice Michelle Hunziker, poi come parchetto pubblico con panchina.

Concludendo: non metto in discussione la sicura godibilità del programma, ma alcune scelte, come la pubblicità che interrompe l’episodio (facendo perdere il piacere dell’improvvisazione), lo spazio striminzito dato a un bravo Alessandro Betti (a favore di una Hunziker poco più che guardabile) e l’incapacità di Giorgia Palmas (troppo rigida e poco fantasiosa, buttata sul palco più per il suo effetto scenico, che per le capacità teatrali, con la speranza che possa migliorare) non le condivido.

Con la speranza che il resto del cast sia all’altezza del ruolo affidato e che gli episodi non finiscano per assomigliarsi, consiglio, a tutti quelli che vogliono divertirsi e ridere all’improvviso, di sintonizzarsi su Italia1 alle 21, ogni martedì, per assistere a poco più di un’ora di improvvisazione maestrale firmata Ale & Franz.

Commenti (5)

  1. can you sending to mi sexy peacter
    tankful

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>