World Wars-Il Mondo In Guerra (1915-1945) ogni giovedì su Laeffe

di Antonio Ruggiero Commenta

Laeffe (DTT 50, Sky 139) propone dal 15 Gennaio ogni giovedì in prima serata World Wars-Il Mondo In Guerra (1915-1945), un programma su 30 anni di guerre e conflitti umani scatenati da uomini che sono passati alla storia per le loro azioni eroiche o sconsiderate, come Mussolini, Hitler, Stalin, Churchill e molti altri.

World Wars_Laeffe

A 100 anni dall’entrata dell’Italia nella primo conflitto bellico, Laeffe ripercorre il periodo più drammatico della storia del XX Secolo dove pochi uomini presero decisioni che determinarono il destino del mondo intero dando vita a una spirale di morte e violenza senza precedenti.

La produzione televisiva è firmata da A+E Networks e unisce la migliore fiction con il documentario e gli archivi storici inediti, arricchiti da studiosi ed esperti e impreziosita dal contributo di numerose personalità politiche intervistate come l’ex Presidente del Consiglio Mario Monti, l’ex premier inglese John Major, il generale Colin Powell, l’ex Segretario della difesa USA e capo della CIA Leon Panetta.

World Wars-Il Mondo In Guerra analizza così, in sei puntate da un’ora ciascuna, i 30 anni di storia che hanno cambiato la faccia del mondo attraverso l’ingresso e il percorso di 6 protagonisti internazionali nella Grande Storia: dal giovane Benito Mussolini arruolato tra i bersaglieri, alla partecipazione di Winston Churchill agli scontri sul fronte occidentale. Dal giovane soldato francese Charles de Gaulle, caduto prigioniero dei tedeschi all’ascesa politica di Adolf Hitler. Dall’elezione di Franklin Delano Roosevelt alla presidenza degli Stati Uniti alle imprese del primo ministro giapponese Hideki Tojo, per concludere con i celebri generali Douglas MacArthur e George Patton.

Giovedì 15 Gennaio, il primo episodio dal titolo E Tutto Ebbe Inizio propone il racconto dell’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, che portò ad una guerra senza precedenti. Tra i nuovi soldati del conflitto, ci sono Hitler, De Gaulle e Churchill.

 

Rispondi