L’Aquila – La cultura rinascente stasera su Raidue

di Redazione Commenta

Questa sera su RaiDue alle 23.40 andrà in onda il documentario L’Aquila – La cultura rinascente, realizzato dalla Morol srl in collaborazione con Rai Due e Rai Cinema. L’ideatore del programma è Enzo Gentile, direttore dell’ATAM che ha voluto in tal modo ricordare e rendere omaggio alle vittime del sisma che un anno fa ha sconvolto l’Abruzzo e l’Italia intera. Tra gli altri autori anche Stefani Thermes e Gianluca Cerasola per la regia di Lourenco de Almeida.

Il documentario vuole coniugare insieme percorsi della memoria e la speranza di rinascita per una città che non si è tirata indietro di fronte alla tragedia ma che ha saputo reagire con orgoglio e forza: le riprese verteranno in particolar modo sulla grande ferita subita dalla perdita dei punti di aggregazione culturale come i teatri e i centri espositivi cittadini, simbolo della cultura del paese.

Verrà anche documentata l’apertura del centro Polifunzionale con cinque sale teatrali ed una cinematografica che sostituirà sino alla ricostruzione completa, il Teatro Comunale e gli altri teatri della città, e sarà sede degli uffici di ATAM (Associazione Teatrale Abruzzese e Molisana) e del Teatro Stabile Abruzzese, simbolo della rinascita di una città distrutta.

Importante e significativo sarà poi il contributo di numerosi personaggi del mondo dello spettacolo che interverranno durante i 42 minuti di durata del documentario. Giulio Scarpati, Gigi Proietti, Piera Degli Esposti, Mascia Musy, Gianmarco Tognazzi, Enrico Brignano, Pamela Villoresi, Lorenzo Salvati, intellettuali come Alessandro Clementi, Marcello Gallucci sono solo alcuni dei personaggi intervistati ed intervenuti durante le riprese.

Insieme a loro saranno portate importanti testimonianze di esponenti della cultura della città dell’Aquila, dei responsabili degli enti locali tra cui l’assessore regionale alla Cultura Di Dalmazio, degli operatori culturali e di alcuni cittadini del capoluogo abruzzese: un documentario per non dimenticare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>