Peppa Pig video chat: in arrivo un parco divertimenti a tema?

di Redazione Commenta

Federica Gentile oggi pomeriggi ha condotto la videochat per parlare di Peppa Pig e rispondere alle domande degli utenti, curiosi di conoscere dettagli sulla serie animata che ha conquistato i più piccoli… ma anche i loro genitori.

Peppa Pig arriva direttamente dall’Inghilterra, ha spopolato ed ormai è diventata un fenomeno: una società multietnica e una famiglia felice, problemi da risolvere e puntate a lieto fine, tra poco arriverà al cinema ed è boom di merchandising. La serie per l’età prescolare non arriverà in 3D proprio per l’età a cui si rivolge, il segreto del suo successo sta anche nei suoi colori e nella semplicità delle immagini.

In studio, a rispondere alle domande degli utenti, ci sono stati Thomas J. Ciampa di Warner Bros Entertainment Italia e Massimo Liofredi, Direttore di Rai Ragazzi, che parlando del successo di Peppa Pig ha dichiarato:

Secondo me questi fenomeni che espolodono è molto importante cavalcarli per una motivazione concreta: il fatto di aver portato l’attenzione sull’inglese di Peppa secondo me è interessante. E’ quello che dovrebbero fare tutti, perché la notorietà va utilizzata a scopi sociali, è la chiave del futuro sennò rimane tutto chiuso nella casa.

In molti hanno notato che Peppa Pig piace anche ai genitori e che Mamma e Papà Pig non sgridano mai i loro figli, questo è molto istruttivo:

Il rapporto genitori-figli è più moderno, parlare, dialogare e far capire perché le cose possono essere fatte in un modo e quali sono i rischi di farle in un altro.

Parco divertimenti a tema di Peppa Pig in arrivo? Qualcuno l’ha chiesto visto che a Londra esiste già, ma per ora non è in programma anche se, considerato il successo della serie, non sarebbe un’idea malvagia…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>