Gurren Lagann Sfondamento dei cieli arriva su Raiquattro

di Benedetta Guerra 16

Questa sera alle 22.45 su Raiquattro arriva l’anime dello studio Gainax, già padre della famosissima serie  Neon Genesis Evangelion, dal nome di Sfondamento dei cieli – Gurren Lagann (titolo originale Tengen Toppa Gurren Lagann), realizzato nel 2007 e formato da 27 episodi.

Il cartone è ambientato nel futuro ed ha come protagonisti un gruppo di ragazzi che vivono in un villaggio sottoterra, senza nessun contatto con la superficie.

Simon, uno dei protagonisti e un ragazzo orfano che vive in questi posti, che per andare avanti fa lo scavatore. Un giorno, durante le ore di lavoro si trova davanti una trivella luminosa, e dopo qualche tempo, Kamina, un ragazzo più grande di lui, gli chiede di entrare nel loro gruppo, i Brigata Gurren.

Kamina, Simon, con gli altri ragazzi, decidono di andare in superficie, ma vengono scoperti dall’anziano del villaggio, che incarcerà Kamina. Durante una giornata di lavoro, Simon trova un robot e felice della scoperta, cerca di far evadere Kamina per renderlo partecipe della scoperta, ma in quel momento un mega robot inizia a distruggere il villaggio del sottosuolo e Yoko, una ragazza coraggiosa segue il robot per cercare di fermarlo, da li a poco, la ragazza diventa parte del trio con Simon e Kamina, ed insieme riusciranno a scoprire che la trivella trovata, in realtà, è la chiava per attivare il robot chiamato Lagann.

Simon riesce a pilotare il robot e, dopo poco, Kamina riesce a recuperarne un altro a cui da i nome di  Gurren, riuscendo così, con due robot, a salvare il villaggio di Yoko. I tre ragazzi, insieme al meccanico Leeron, partono per il quartier generale dei malvagi uomini bestia e del loro capo, Lord Genome, sperando di poterli far smettere con questa guerra senza fine.

Da qui in poi, i quattro amici si troveranno di fronte ad un esercito di malvagi esseri, in pericolo, ma con astuzia riusciranno ad unire i due robot formando il potente robot Gurren Lagann, che gli permetterà di vincere la prima battaglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>