Futurama cancellato

di Redazione Commenta

FUTURAMA CANCELLATO – “R.I.P Futurama”  è la frase che in queste ore più ricorre in Rete. Infatti, la serie animata creata dal papà dei Simpson, Matt Groening , è stata cancellata. Per la seconda volta. Ma in questa occasione pare che i telespettatori dovranno definitivamente congedarsi da Fry, Bender e compagnia bella. Comedy Central ha infatti deciso di non rinnovare le avventure spaziali del bislacco team. Non ci sarà, quindi nessuna ottava stagione. Lo show verrà fermato alla settima. 

 “Questo è un buon modo per dirsi addio. Gli ultimi capitoli sono sicuramente i migliori che abbiamo realizzato. Sarà un finale davvero epico. Sempre che di fine si tratti“, dichiara l’ideatore del programma, Matt Groening a Entertainment Weekly.

E anche se gli ultimi episodi andranno in onda dal 19 giugno al 4 settembre, auspicare di “riesumare” Futurama non costa nulla. Lo stesso Groening non è assolutamente pessimista. Magari ci vorrà un bel po’ di tempo. E magari non sarà in tv. Ma Fry e Leila potrebbero rinascere come l’araba fenice sulla Rete. Ma questo è ancora tutto da vedere.

 La serie tuttavia, è abituata alle tempeste. Nel 2003 era stata cancellata dal canale Fox dopo quattro stagioni. Successivamente dopo uno stop di cinque anni era tornata sul piccolo schermo grazie a Comedy Central, che aveva firmato immediatamente per due stagioni. Ma, dopo quel periodo di tranquillità, il programma ha continuato a navigare in cattive acque.

E nonostante le storie da raccontare restino tante, non sembra ci sia nessuno interessato ad acquistarle. “Forse tornerà sotto un’altra forma, magari sul web, o magari con uno show di pupazzi in un parco”, chiosa Groening .

Su Internet in molti non si rassegnano e chiedono a gran voce che la serie non venga spazzata via. Su Facebook è già stata lanciata la petizione “Save Futurama”. Per ora le speranze di un grande ritorno sono veramente poche, ma tutto è possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>