Plain Jane: sulla CW il brutto anatroccolo diventa cigno!

di Redazione Commenta

Tutte, almeno una volta nella vita, vorremmo che qualcuno un giorno arrivasse e…ci portasse dall’estetista, dal parrucchiere, nei migliori negozi di vestiti, scarpe, borse, gioielli e chi più ne ha ne metta! L’importante è diventare bellissime! Se questo è uno dei vostri sogni perché non partecipate al nuovo reality show made in USA Plain Jane?

Tre dei più noti executive producer d’America come Allison Grodner, Rich Meehan ed Amy Palmer (produttori del Grande Fratello americano e di You’re Cut Off) insieme alla Sony Pictures Television hanno realizzato per la CW un programma davvero innovativo.

Prima di sviscerare il segreto di questo reality show, un pò di nozioni. Perché la scelta di un nome come Plain Jane per un programma televisivo? Eccovi la risposta: nella cultura anglosassone questo modo di dire si riferisce ad una donna nella media, scialba, che non si trucca, coi capelli disordinati o che si veste peggio di una nonna. Insomma come la famosa Jane Eyre, protagonista dell’omonimo romanzo di Charlotte Brontë.

Per scongiurare il fantasma dell’educatrice vittoriana, ogni settimana, per otto settimane, la britannica conduttrice ed esperta di moda Louise Roe cercherà di trasformare una donna per rivelarne una totalmente diversa. In ogni puntata si darà spazio ad una nuova Jane in cerca di un cambiamento drastico nella sua vita, una trasformazione di stile dalla testa ai piedi, incluso guardaroba ed esercizi per costruire l’autostima. Una volta che la trasformazione è completata, l’ex Plain Jane sorprenderà l’uomo della quale è innamorata, e che non sa nulla, con un nuovo look rivelandogli i suoi veri sentimenti. Chissà che Cupido non riesca a scoccare la sua freccia! Che lo faccia o meno, il brutto anatroccolo si è ormai trasformato in cigno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>