Mediaset Vs Youtube: potrebbe concludersi con un accordo

di Diego Odello 1

La diatriba tra Mediaset e Youtube potrebbe concludersi con un accordo: nel corso di un’intervista a Libero Mercato, Gina Nieri, consigliere di amministrazione Mediaset, ha spiegato la causa avanzata dal suo gruppo contro il colosso della rete e ha confermato che si potrebbe trovare una soluzione differente dalle aule del tribunale.

Per permettervi di commentare la notizia, vi riporto l’intervista:

Dottoressa, qual è esattamente l’oggetto dell’azione legale che avete promosso?
«Si tratta di un atto di citazione per danni generati dallo sfruttamento illegale di video di titolarità Mediaset».

Per quale ragione avete agito?
«La vicenda era già iniziata nel 2006 con una prima diffida a Google-YouTube. Dopo una serie di passaggi intermedi, il confronto era finito in un nulla di fatto. Inevitabile a quel punto la citazione per danni. Ma, al di là del nostro caso specifico, credo che il problema sia molto più vasto e tale da intaccale i modelli di business classici fondati sulla difesa della proprietà intellettuale. Da quando internet è in grado di diffondere immagini e vìdeo, la spinta dell rete è andata nella direzione della rottura delle regole a difesa del diritto d’autore».

Perché una domanda risarcitoria così elevata?
«Si tratta di un conteggio oggettivo. Dalla rilevazione effettuata da Mediaset, sono stati individuati sul sito YouTube, al 10 giugno 2008, almeno 4.643 filmati dinostra proprietà, pari a oltre 325 ore di materiale emesso senza possederne i diritti. Il risarcimento richiesto da Mediaset riguarda inoltre il solo danno emergente. A questo bisognerà aggiungere le perdite subite per la mancata vendita di spazi pubblicitari sui programmi illecitamente diffusi in rete».

Se YouTube acquisisse regolarmente i diritti non sareste contrari alla diffusione dei vostri video sul loro sito?
«E’ presto per dirlo: il procedimento è appena iniziato. Ma non escludo che possa chiudersi con un accordo».

Quali accorgimenti adotterete ora dai punto divista legale e contrattuale?
«Continueremo a monitorare ogni piattaforma, pronti a batterci contro tutto e tutti nella difesa strenua dei nostri diritti. E questo fino a quando si troverà – ma è un problema che riguarda il mondo intero – un nuovo modo di difendere i prodotti dell’ingegno. E quindi di finanziare le produzioni audiovisive».

Come reagite all’accusa di aver promosso un’azione non al passo con i tempi?
«Sappiamo che la posizione di Mediaset è stata definita vecchia e retrograda. In realtà, tutto il sistema audiovisivo mondiale è tuttora basato sulla cessione onerosa dei diritti e sulla possibilità di detenere diritti in esclusiva. In questo quadro, l’azione di Google è pura pirateria».

Conclundendo: giustamente l’amministratrice Gina Nieri fa gli interessi della sua azienda e si dimentica dei vantaggi, che il servizio di Youtube porta a Mediaset, come il promuovere gratuitamente, con i filmati caricati, le trasmissioni televisive, o regalare notizie bizzarre ai telegiornali o ai programmi, che non pagano un centesimo per mandarle in onda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>