Home » Rai: di tutto e il contrario di tutto?

Rai: di tutto e il contrario di tutto?

Lo confessiamo, le parole pronunciate di recente da Antonio Marano durante la 62/ma edizione del Prix Italia di Torino, ci hanno fatto sorridere, non per un insano gesto irrispettoso ma perché nel tentativo di esaltare il valore dell’azienda di cui è dirigente insieme ad altri, il vicedirettore generale Rai non ha fatto altro che denunciarne i limiti, quelli noti a tutti da decenni. Dice Marano:“La Rai potrebbe essere tecnicamente molto più aggressiva e molto più competitiva se avessimo maggiori spazi di libertà”. Cosa vieta a quella che una volta era la maggiore società radiotelevisiva del Paese di rinnovarsi? Una struttura pachidermica e costantemente sottoposta all’autorità politica, che unita a logiche commerciali dissennate per un servizio pubblico non permettono come vorrebbe Marano di:“cambiare prospettiva considerando finalmente anche i mercati esteri, tra le mete di approdo dei suoi prodotti, in particolare delle fiction”.

Quanto all’informazione viene detto che:“non si vuole lasciare a casa nessuno, ma se pensiamo che le all news sia l’obiettivo a cui puntare, togliamoci da quelle piccole difese che non sono local ma da sottoscala”. Una Rai meno provinciale quindi, ma riguardo certi tg di cose da dire ce ne sarebbero, mentre Marano preferisce soffermarsi su un ipotetico quanto improbabile rafforzamento di Rainews, per il resto: “Non prevediamo cambiamenti sui tg delle tv ammiraglie i tg principali vanno tutelati, ma certo, non è detto che l’all news in futuro non abbia una capacità propria di essere competitiva in tutte le fasce”. Peccato che il principale presidio d’informazione della Rai, Rainews appunto, attenda da mesi la nomina di un nuovo direttore o la conferma dell’attuale Corradino Mineo mentre di recente l’assemblea dei giornalisti abbia auspicato che “L’impegno preso dal Direttore generale della Rai Mauro Masi davanti alla Commissione parlamentare di Vigilanza a una ‘forte valorizzazione’ di Rainews si debba tradurre al più presto da parole in fatti”.

In merito alle prossime nomine in Rai Marano ha poi detto che:“In Italia c’é un pluralismo da paura, ma sulle nomine non mi esprimo perché non mi compete ma posso dire che nei nostri nuovi palinsesti c’é una quantità di news 4 volte superiore agli altri Paesi” parole che si commentano da sole, non ci sembra di ravvisare tutta questa molteplicità di punti di vista nel nostro Paese se non quelli presenti sulla Rete, quanto alle notizie è evidente come si preferisca dare sempre più spazio alla quantità a scapito della qualità. Alla fine l’unica novità apprezzabile risulta essere la nascita prevista per fine novembre di Rai5 con sede a Milano, sulle frequenze del canale Extra, in una sorta di restyling concepito per esaltare la prossima Expo e accontentare le genti padane, un po’ poco non vi pare?

Lascia un commento