Maurizio Costanzo torna con Bontà Loro, era proprio necessario?

di Enzo Mauri 3

Alla veneranda età di 72 anni, Maurizio Costanzo, volto storico della tv italiana, prepara un ritorno in grande stile in quel della Rai, la sua nuova dimora dopo la dipartita da Mediaset. Nuova per modo di dire poiché proprio la Rai ospitò nel lontano 1976, era ottobre, Bontà Loro il primo talk show televisivo fatto in Italia, destinato a diventare un grande successo. Ora l’infaticabile Costanzo si prepara a rilanciare dal 13 settembre alle 14.10 su Raiuno la versione riveduta e corretta di quel mitico programma con tanto di pubblico, non una:“mancanza di originalità, ma una sorta di tributo a una trasmissione che mi ha lanciato contribuendo a fare la storia della Rai” ha spiegato l’autore a l’Ansa.

Certo non si può dire che i presupposti siano dei migliori, Bontà Sua la “striscia” quotidiana condotta dallo stesso Costanzo nella medesima fascia oraria durante la scorsa stagione televisiva è stata, contro ogni previsione, un autentico flop, sarà forse per questo motivo che sono stati predisposti degli aggiustamenti tra cui una scaletta che si uniformerà ai fatti del giorno e la co-conduzione di Giampiero Galeazzi, ma viene da chiedersi: la tv ha ancora bisogno di Maurizio Costanzo?

Non vi è alcun dubbio che siamo di fronte a un personaggio eclettico di grande spessore (detto senza ironia beninteso), lo ricordiamo alla guida di quello che per quasi 30 anni è stato l’appuntamento serale fisso per milioni di italiani il Maurizio Costanzo Show, dal Teatro Parioli di Roma, con l’indimenticabile sigla suonata dal compianto Franco Bracardi. Migliaia gli ospiti che hanno calcato le tavole di quello storico palco, molti lanciati dallo stesso Costanzo, alcuni d’altissimo livello come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, poi anni dopo sarebbe arrivato un certo Costantino Vitagliano.

In quel periodo Costanzo, denotando un’incredibile spirito d’iniziativa, presenzia pressoché ogni giorno al palinsesto di Canale 5 di cui diviene anche direttore: all’impegno serale aggiunge quello del fine settimana alla conduzione di Buona Domenica, contenitore pomeridiano che negli anni scade sempre più nel nazional-pecoreccio, nel frattempo Costanzo si concede anche una “capatina” nella mattinata dell’ammiraglia Mediaset con Tutte le Mattine divenuto poi Buon Pomeriggio come una sua storica trasmissione radiofonica.

Se dovessimo ripercorrere tutte le tappe della carriera artistica di Maurizio Costanzo, probabilmente non basterebbe un libro. Di certo lo stellone col passare degli anni ha iniziato ad opacizzarsi ed è singolare come buona parte del calo di popolarità sia dovuto alla persona che gli sta più accanto: la moglie Maria De Filippi, che col passare degli anni, grazie ha una serie di indiscutibili successi, ha attirato a se buona parte di quell’audience che una volta apparteneva al marito. Ora che è tornato in Rai c’è da giuraci che il baffuto conduttore, affrancatosi dalla presenza per certi versi ingombrante della consorte, cercherà di tornare agli antichi fasti. La domanda nasce spontanea, tanto per parafrase il simpatico Antonio Lubrano, il pubblico tornerà ad affollare la platea dei programmi made in Costanzo? Il suo ritorno era così necessario? Oppure considerato il suo immenso talento dopo aver assaporato per decenni il fascino del proscenio non sarebbe stato meglio muoversi tra le quinte?

Commenti (3)

  1. si era necessario chye maurizio costanzo facesse questa traqsmissione e piu bravo di sua moglie maria de filippi che fa trasmissioni non belle per me e nessuno ha il coraggio di parlare bravo costanzo-
    ciao da giuseppe

  2. caro Maurizio ti seguo da anni ed o un sogno nel cassetto se tu vuoi lo potresti realizzare non lo mai chiesto in nessuno o 3 figli maschi grazie a DIO uno dei tre non fa il nostro lavoro mi piacerebbe se lo invitassi nella tua trasmissione e mi dedicasse Caruso di Lucio Dalla questo e il sogno pero ti devo dire che Gianluca Crisafi nato a roma il 11 11 1974 fa il doppiatore e a scritto 2 commedie una e andata in scena per 2 anni consecutivi al teatro dei servi ora va in scena la seconda dal 15 02 al 06 03 2011si chiama hai un minuto per me con la regia
    Davide Lepore ti dico questo perche una tua parola potrebbe aiutare questi bravi ragazzi la moglie di mio figlio e brava molto pensa a 28 anni ma sono 25 che fa la doppiatrice si chiama perla liberatore te 0666153159 3334043723 daddio fortunata perdonami se ti do del tu ma siAmo coetanei che DIO TI BENEDICA IL TL di GIANLUCA 3393815214 VORREI FARLE UNA SOPRESA MAGARI NON DIRGLI CHE SONO STATA IO GRAZIE COMUNQUE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>