Punto su di te, Claudio Lippi: “Sono come un idraulico, se si rompe un tubo lo riparo”

di Massimo Galanto Commenta

Claudio Lippi si sente un po’ idraulico. Lo storico conduttore e cantante in un’intervista rilasciata a Il Giornale scherza sul fatto che ancora una volta è stato chiamato lui, dalla Rai, per la sostituzione all’ultimo minuto del titolare. Stavolta Lippi prende il posto di Paola Perego, che avrebbe dovuto essere la conduttrice di Punto su di te, game di Raiuno. Ed invece, dopo il no della moglie di Lucio Presta, la scelta è ricaduta su Lippi, affiancato da Elisa Isoardi:

Io sono come un idraulico. Se si rompe un tubo, io so ripararlo. Quando il direttore dell’intrattenimento Rai, Giancarlo Leone, mi ha chiesto di salvare il programma, ho rischiato una situazione pre-infartica. Pochi giorni di prove in uno studio ancora incompleto. E domani andrò in onda. Che Dio ci tenga una mano sulla testa.

Lippi racconta così il suo nuovo show:

Aspetti, devo pensarci un attimo perché è successo tutto così in fretta… Dunque: è un gioco fra nuovi talenti che provengono da varie città d’Italia, accompagnati da vip (oh Dio: solo pronunciarla, questa parola, mi fa venire i brividi) di quelle stesse città. Per la prima delle previste due puntate, Paolo Conticini per Pisa, Maria Grazia Cucinotta per Messina, e così via.

Lippi ricorda il suo addio a Buona domenica, che gli costò l’allontanamento per qualche anno dal piccolo schermo:

Ah, e chi se lo ricorda più? Diciamo dal 2006, da quando abbandonai la Buona Domenica di Canale 5, non riconoscendomi più nella deriva volgare in cui il programma stava scivolando. E la pagai cara: una scelta che ho scontato per anni. Del resto, se denunci un sistema, poi non puoi più accettarlo. Così proposte tante; ma a tutte, per decenza e coerenza, ho dovuto dire no.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>