Pippo Baudo dimesso: “Ha ragione Fiorello, sono amareggiato dalla Rai. Ma guardo avanti”

di Massimo Galanto Commenta

Pippo Baudo è stato dimesso ieri dall’Ospedale Sant’Andrea di Roma, dove era stato ricoverato martedì sera per un lieve malore. All’inizio si temeva potesse trattarsi di ictus o ischemia. Poi, per fortuna, è stato ridimensionato notevolmente l’accaduto: si sarebbe trattato solo di uno sbalzo di pressione. All’uscita dall’ospedale Baudo ha rassicurato i giornalisti presenti sulle sue condizioni di salute:

Sto bene, come vedete lo spirito è quello di prima, solo un piccolo controllo.

Baudo ha risposto così a chi ha fatto notare che Fiorello aveva individuato tra le cause del malore anche l’amarezza per il trattamento riservato allo storico conduttore siciliano da parte di Mamma Rai:

E’ vero, sono un po’ amareggiato dalla Rai, ma sono cose che succedono in questo mestiere. Ora però mi voglio riprendere e tornare a lavorare, sto male se non lavoro. D’altronde ho ancora 30-40 anni di carriera davanti.

Ieri inoltre Tamara Donà ha mandato in onda su R101 un’intervista a Baudo realizzata lunedì scorso (prima del malore quindi) in cui il conduttore ha individuato il suo erede nel mondo dello spettacolo:

C’e’ per esempio Enrico Brignano, che sta facendo passi da gigante. Un personaggio che tiene il teatro bene: l’ho visto nel Rugantino e nei suoi spettacoli da monologhista, davanti a 7mila persone.

Baudo, il quale stasera dovrebbe essere ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo, ha infine detto:

Io non vorrei legarmi al passato. Il passato dobbiamo dimenticarcelo. Quando mi ricordano ‘Fantastico’ io dico: si’, era un grande spettacolo, pero’ avevamo Beppe Grillo, la Smorfia, Massimo Troisi. Ma oggi questi personaggi non ci sono piu’, bisogna lavorare con quelli che ti danno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>