Adamo contro Adamo. Scontro tra i fratelli Muccino

di Salvatore Salamone Commenta

31 anni uno, 44 l’altro: Silvio e Gabriele Muccino non hanno bisogno di presentazioni. Fratelli legati da una grande passione per il cinema, hanno collaborato per la realizzazione di diverse pellicole (ricorderete L’ultimo bacio, Come te nessuno mai e Ricordati di me). Da qualche tempo, però, i due fratelli non si rivolgono neanche la parola. Gabriele, il più grande, attacca: “è colpa di Carla Vangelista. Allontana Silvio da me. Lo allontana dalla famiglia”.

Proviamo a fare un passo indietro. In realtà non è affatto semplice riuscire ad individuare le cause di questa rottura. Silvio ha sempre sofferto il confronto con il fratello. Un paragone forse troppo ingombrante per chi inizia a muoversi all’interno di un mondo che, a volte, riesce ad essere meschino e spietato. Recentemente ha dichiarato: “Oggi c’è un oceano che ci separa (ndr, Gabriele Muccino si è trasferito in America dove ha già diretto diversi film di successo). E io benedico quell’oceano. Sono contento che mio fratello sia in America, con la sua bella carriera. Ma in un altro continente“.

 

Gabriele, dal canto suo, ha sempre sostenuto di voler riallacciare i rapporti con il fratello, pur non specificando mai le cause della rottura. In più occasioni, però, ha attaccato pesantemente Carla Vangelista: “Si tratta di una ex adattatrice dialoghi, improvvisata scrittrice di discutibile talento che ha sequestrato e rovinato il talento e (opinione personale) la vita di un promettentissimo ragazzo e attore dall’altrettanto promettente futuro a cui ero (sono ancora) profondamente legato nonostante non lo veda ne lo senta da troppi anni. E certo non per mia scelta“.

 

Tra l’altro, tra i due (Gabriele e Carla) è in corso una causa legale: pare, infatti, che la Vangelista si sia offesa per le accuse di Muccino. Carla non ha proprio digerito le parole relative al suo talento, ma Gabriele ne approfitta per rincarare la dose: “Se fosse una vera artista saprebbe che questo è il nostro destino: essere criticati“.

Intanto tra Silvio e la Vangelista non c’è nessun rapporto ufficiale. Lei è sposata con figli, lui ha sempre dichiarato di nutrire una profonda stima nei suoi confronti. Diamo loro il beneficio del dubbio, ma se tra i due c’è solo un legame professionale, da cosa deriva la rabbia di Gabriele?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>