Un po’ Mistero, un po’ Wild, un po’ Plastik: ecco il nuovo Insideout – Pazzi per la scienza

di Redazione 1

E finalmente anche Rai 2 ha il suo programma “gggiovane”. Da questa sera è partito Insideout – Pazzi per la scienza (o come lo ha chiamato la Satta ad inizio puntata “isaidau”), la trasmissione che promette di far capire il mondo della scienza in modo spettacolare e del tutto insolito.

Durante questa prima puntata (in totale saranno due gli appuntamenti, la seconda e ultima puntata andrà in onda lunedì 13 giugno), già dai primi istanti di trasmissione, la mente è andata immediatamente a quei Wild, Mistero e Plastik che tanto hanno spopolato nel palinsesto di Italia 1. Nel caso di Insideout ci troviamo di fronte ad un sunto di queste produzioni: non manca il servizio dedicato ai “serpenti più pericolosi di questo mondo”, quello riguardante la fabbricazione di fogli di carta con la cacca di elefante, quello in cui si parla di chirurgia estetica e quello incentrato su esperimenti al limite dell’idiozia.

Praticamente Rai 2 ha voluto strafare: perché “ispirarsi” ad un solo programma quando è possibile concentrarne 3 in uno solo?  La risposta è Insideout. A metterci la faccia in tutto questo marasma di servizi di varia natura c’è Melissa Satta, colei che nell’ultimo periodo ha fatto mormorare di sé per la sua vita sentimentale più di quanto fanno Michelle Hunziker e Manuela Arcuri, messe insieme, in una sola estate.

Merita una particolare menzione quello che l’ex velina aveva promesso in merito allo studio, ovvero che sarebbe stato una “sorpresa”, qualcosa di assolutamente “diverso”. In realtà hanno semplicemente affittato un centro autorizzato per la demolizione delle auto. A pensarci bene lo studio è conforme ai predecessori: Fiammetta Cicogna si destreggia tra grotte umide e foreste selvatiche, Raz Degan conduce (o meglio, prova a condurre) in un edificio abbandonato e Elena Santarelli saltella tra un servizio e l’altro nella casa di Barbie a grandezza naturale, perché ci deve sembrare strano una Melissa Satta impegnata a lanciare servizi tra un parafango e un cofano?

Commenti (1)

  1. Veramente l’insiprazione sembra molto di più il programma “Focus 1”.
    Eccezionali i Mithbuster, finalmente visibili in chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>