Fatti in Tivù | Google sfida la politica omofoba di Putin, Vauro Senesi e Flavio Briatore si scontrano a Servizio Pubblico ,Cover Story ed il reportage su Casal di Principe

di Redazione Commenta

Diamo un’occhiata, subito dopo il salto ad alcune notizie dall’Italia e dal mondo nella nostra rubrica Fatti in Tivù.

Iniziamo con il Doodle di Google dedicato alle Olimpiadi di Sochi, che ha scelto la bandiera arcobaleno, simbolo della lotta all’omofobia ed alla discriminazione, insieme ad un passo della Carta Olimpica, il documento ufficiale che raccoglie le regole e le linee guida per l’organizzazione dei giochi olimpici e che recita:

La pratica dello sport è un diritto dell’uomo ed ogni individuo deve avere la possibilità di praticare lo sport senza discriminazioni di alcun genere e nello spirito olimpico, che esige mutua comprensione, spirito di amicizia, solidarietà e fair-play.

Una bella stilettata del colosso informatico alla politica soppressiva ed omofoba di Putin; passiamo a Servizio Pubblico dove c’è stato uno scambio di battute tra Vauro Senesi e Flavio Briatore, dove il primo si adira dicendo:

Lei che ne sa di chi non arriva alla fine del mese? Le conosco tutte le storie dei milionari, nessuno di voi è nato ricco, vero? Possibile che in questo Paese ci innamoriamo sempre di anziani milionari? Berlusconi, Grillo e ora pure Briatore!

Briatore risponde:

I miei genitori erano insegnanti, eravamo una famiglia povera. A differenza sua io creo posti di lavoro, pago i dipendenti più della media.

Vauro incalza:

La sua ricchezza dipende dai suoi dipendenti. Se li paga bene, fa il suo dovere.

E Briatore serafico risponde:

Lei è rancoroso.

Prima di salutarvi, vi ricordiamo l’appuntamento di questa sera su Sky TG24 HD canali 100 e 500 di Sky alle 16.30 e in replica domenica alle 18.30 e alle 22.00 con Cover Story, che ritornerà a parlare di Casal di Principe, comune martoriato da infiltrazioni mafiose e racconterà dei gravi problemi di cui il paese soffre, ma anche le storie di tanti casalesi perbene che lottano quotidianamente contro i mali di una terra avvelenata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>