La consueta rubrica settimanale Blob dei Blog quest’anno vola per voi nel fatato mondo di Hollywood per raccontarvi quanto è accaduto stanotte alla notte degli Oscar, quando, mentre voi beatamente dormivate (me lo auguro per voi), io mi seguivo la cerimonia, scoprendomi veggente e gustandomi la vittoria europea (tutti gli attori premiati) sul cinema americano.

A bocce ferme è chiaro che a festeggiare veramente sono in tre: i fratelli Coen, dominatori assoluti della manifestazione (4 premi, di cui tre, tra i più importanti), The Bourne Ultimatum, vincitore di ben tre statuette e l’Italia che si porta a casa due premi, Miglior Colonna Sonora (Marianelli) e Miglior Scenografia(i coniugi Ferretti – Lo Schiavo), alla faccia di chi si dimentica del cinema italiano e dei suoi grandi maestri.

Tra gli sconfitti più eccellenti citerei, e lo faccio senza problemi, Johnny Depp, Cate Blanchett, Espiazione e Michael Clayton (per entrambi un solo riconoscimento) e soprattutto Lo scafandro e la farfalla, che rimane a bocca asciutta (come previsto) rimanendo quattro volte nominato e quattro volte deluso.


Vorrei segnalare infine che il miglior film d’animazione è stato Ratatouille (come previsto), mentre il premio per il miglior film straniero è stato vinto da Il Falsario.

Vediamo insieme i vincitori dell’ottantesima edizione degli Oscar, condotti da Jon Stewart:

Miglior film
Non è un paese per vecchi
Vittoria su:
Espiazione
Juno
Michael Clayton
Il Petroliere

Miglior regia
Joel e Ethan Coen, Non è un paese per vecchi
Vittoria su;
Lo Scafandro e La Farfalla
Juno
Michael Clayton
Il petroliere

Miglior attore protagonista
Daniel Day Lewis per Il petroliere
Vittoria su:
George Clooney – Michael Clayton
Johnny Depp – Sweeney Todd
Tommy Lee Jones – Nella Valle Di Elah
Viggo Mortensen – La Promessa Dell’Assassino

Miglior attrice protagonista
Marion Cotillard per La vie en rose
Vittoria su:
Cate Blanchett – Elizabeth: The Golden Age
Julie Christie – Away From Her
Laura Linney – La famiglia Savage
Ellen Page – Juno

Miglior attore non protagonista
Javier Bardem per Non è un paese per vecchi
Vittoria su;
Casey Affleck – L’Assassinio Di Jesse James
Philip Seymour Hoffman – La guerra di Charlie Wilson
Hal Holbrook – Into The Wild
Tom Wilkinson – Michael Clayton

Migliore attrice non protagonista
Tilda swinton per Michael Clayton
Vittoria su:
Cate Blanchett – Io Non Sono Qui
Ruby Dee – American Gangster
Saoirse Ronan – Espiazione
Amy Ryan – Gone Baby Gone

Miglior film straniero:
Il Falsario, di Stefan Ruzowitzky (Austria)
Vittoria su:
Beaufort (Israele)
Katyn (Polonia)
Mongol (Kazakistan)
12 (Russia)

Miglior film d´animazione
Ratatouille (Walt Disney): Brad Bird
Vittoria su:
Persepolis
Surf’s Up

Miglior scenografia
Sweeney Todd: Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo
Vittoria su:
American Gangster
Espiazione
La Bussola D’Oro
Sweeney Todd
Il Petroliere

Miglior fotografia
Il petroliere: Robert Elswit
Vittoria su:
L’Assassinio Di Jesse James
Espiazione
Lo Scafandro E La Farfalla
Non è un paese per vecchi

Migliori costumi
Elizabeth: The Golden Age: Alexandra Byrne
Vittoria su:
Across The Universe
Espiazione
La Vie En Rose
Sweeney Todd

Miglior documentario
Taxi to the Dark Side: Alex Gibney e Eva Orner
Vittoria su:
No End In Sight
Operation Homecoming: Writing The Wartime Experience
Sicko
War/Dance

Miglior documentario corto
Freeheld: Cynthia Wade e Vanessa Roth
Vittoria su:
La Corona
Salim Baba
Sari’s Mother

Miglior montaggio
The Bourne Ultimatum: Christopher Rouse
Vittoria su:
Lo Scafandro E La Farfalla
Into The Wild
Non è un paese per vecchi
Il Petroliere

Miglior makeup
La Vie en Rose: Didier Lavergne e Jan Archibald
Vittoria su:
Norbit
Pirati Dei Caraibi: Ai Confini Del Mondo

Miglior colonna sonora originale
Espiazione: Dario Marianelli
Vittoria su:
Il Cacciatore Di Aquiloni
Michael Clayton
Ratatouille
Quel Treno Per Yuma

Miglior canzone originale
“Falling Slowly” da Once Glen Hansard e Marketa Irglova
Vittoria su:
Happy Working Song – Come D’Incanto
Raise It Up – August Rush
So Close – Come D’Incanto
That’s How You Know – Come D’Incanto

Miglior corto animato
Peter & the Wolf, Suzie Templeton e Hugh Welchman
Vittoria su
I Met The Walrus
Madame Tutli-Putli
Szczerbowski Même Les Pigeons Vont Au Paradis
My Love

Miglior cortometraggio
Le Mozart des Pickpockets (The Mozart of Pickpockets), Philippe Pollet-Villard
Vittoria su:
At Night
Il Supplente
Tanghi Argentini
The Tonto Woman

Miglior montaggio del suono
The Bourne Ultimatum, Karen Baker Landers e Per Hallberg
Vittoria su:
Non è un paese per vecchi
Ratatouille
Il Petroliere
Transformers

Miglior missaggio del suono
The Bourne Ultimatum, Scott Millan, David Parker and Kirk Francis
Vittoria su:
Non è un paese per vecchi
Ratatouille
Quel Treno Per Yuma
Transformers

Migliori effetti speciali
La bussola d´oro, Michael Fink, Bill Westenhofer, Ben Morris e Trevor
Vittoria su:
Wood
Pirati Dei Caraibi: Ai Confini Del Mondo
Transformers

Miglior sceneggiatura non originale
Non è un paese per vecchi, Joel Coen e Ethan Coen
Vittoria su:
Espiazione, scritto da Christopher Hampton
Away From Her, scritto da Sarah Polley
Lo Scafandro E La Farfalla, scritto da Ronald Harwood
Il petroliere, scritto da Paul Thomas Anderson

Miglior sceneggiatura originale
Juno, Diablo Cody
Vittoria su:
Lars E Una Ragazza Tutta Sua, scritto da Nancy Oliver
Michael Clayton, scritto da Tony Gilroy
Ratatouille, scritto da Brad Bird
La famiglia Savage, scritto da Tamara Jenkin

Concludendo: non è stata una edizione così emozionante degli Oscar, ma contro i cannibalil Coen, c’era veramente poco da fare (anche se con una concorrenza più aguerrita forse…). Riusciranno gli oscar a restituire lustro, di fronte agli occhi della gente comune, che valutan bene, solitamente, solo il film, se targato made in USA?

Commenti (6)

  1. …Noi Italiani?
    Sempre la solita vecchia storia, mai una volta che l’Italia riesca a produrre pellicole interessanti.

  2. e ci lamentiamo anche che non ci candidino…
    ma la colonna sonora però è di un italiano eh

  3. Poker dei fratelli Coen, Javier Bardem eccezionale…oscar meritatissimi!!Il film l’ho visto proprio ieri sera,sono uscito dalla sala senza parole(é la prima volta che al cinema dopo la visione del film la gente si alza e applaude).Sui premi consegnati non sono molto d’accordo per l’oscar dato a The Bourne Ultimatum per il montaggio e il Petroliere meritava qualcosa di piu.Complimenti anche agli italiani…qualche oscar arriva anche a casa nostra!

  4. …Avremo anche vinto come miglior colonna sonora ma finisce li.
    Dove sono i registi di una volta?
    Ora abbiamo gente come Muccino e Moccia…che sono una presa per i fondelli al cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>